Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Terry Di Vetta

Questo autore lo trovi anche in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Terry Di Vetta

E penso a te

E penso a te...
e aspetto invano il telefono che squilla...
e sogno te...
e tutto intorno per incanto brilla...
e parlo a te...
e la penna scorre sul foglio bianco...
e ti parlo di me...
e tu raccogli la mia allegria e il mio pianto...
e abbraccio te...
e insieme voliamo nella fantasia...
e bacio te...
e tutto il mondo diventa poesia...
e accarezzo te...
e accanto a te, il cuore mio sembra scoppiare...
e il corpo brucia, la temperatura sale...
e amo te e...
Composta lunedì 23 gennaio 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Terry Di Vetta

    La bellezza della natura

    Un intreccio di grappoli lilla
    ornano il pàtio della villa.
    Cespugli di roselline gialle
    accarezzate da variopinte farfalle,
    diffondono nell'aria primaverile,
    un profumo magico e gentile.
    Il pino, alto e severo,
    tende le sue braccia al cielo.
    La lucertola timorosa,
    pigra, al sole si riposa.
    La cornacchia vigile,
    è li che osserva,
    il verme che striscia tra la terra.
    Il merlo furbo scende veloce,
    e afferra il verme gracchiando con la voce.
    Il continuo cinguettio degli uccellini,
    sembra un concerto di tanti violini.
    Il libro è aperto,
    ma fermo all'introduzione,
    la natura rapisce la mia attenzione:
    la vista, abbagliata da tanto splendore,
    l'udito, ammaliato da un mix di suoni,
    si inebria l'olfatto dai tanti profumi.
    Colori, suoni, aromi...
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Terry Di Vetta

      Week end a Farfa

      Sola, in mezzo alla natura,
      spazia lo sguardo mio
      da questa altura.
      Lassù trionfa austero,
      un antico Monastero;
      tanti paesi intorno,
      come una corona
      fanno da contorno.
      Monti, colline,
      viottoli, stradine.
      Appollaiato sotto un pino,
      un musicante suona il violino;
      una coppietta poco distante,
      giura di amarsi eternamente:
      "luce di diamante,
      che non mente!"
      la campana con i suoi rintocchi,
      attira l'attenzione dei miei occhi,
      è la chiesetta dell'Abazia,
      che suona l'Ave Maria!
      In quella stradina
      in mezzo al verde,
      ecco che s'incammina
      tanta gente:
      "fedeli pronti al richiamo di Dio,
      che non riesco a sentire io!
      Il mio Dio è qui,
      in questa oasi di pace,
      qui sento la sua voce.
      Di nuovo suona la campana,
      la sento sempre più lontana,
      la voce della natura è più forte,
      dentro di me
      si aprono tutte le porte:
      " amore, gioia, riconoscenza,
      gratitudine.
      Le dono a "Te" Dio,
      queste mie ore di solitudine!
      Vota la poesia: Commenta