Contro l'amore non c'è
Rimedio alcuno, Nicia,
né unguento né polvere - io credo - lieve,
dolce farmaco.
Da te, persino l'anima mi farei bruciare, persino
L'occhio, che amo
Più di tutto
Mi tufferei da te, ti bacerei la mano
E bianchi gigli ti porterei
E il fragile papavero
Dai petali scarlatti.
Imparerò a nuotare
Così saprò perché
Vi è dolce abitare negli abissi.
Teocrito
Vota la poesia: Commenta