Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Susan Randall

Libera professionista, nato a roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Susan

Chi sei tu che dicevi di amarmi

E tu che dicevi di amarmi,
tu che,
mi guardi con amore,
ed odio,
perche"perché
questo amore fatto
di carezze, di baci
e sospiri,
perché siamo ridotti così.
cosa ho mai fatto!?
riflesso nello specchio,
e non mi riconosco,
i miei occhi gonfi,
non hanno un bel colore
Sai quello da innamorata,
porto le mani
al mio volto, un volto
che non riconosco,
perché? perché?
la mia anima grida,
perché,
mentre le mie mani accarezzano
quel volto che quasi a stento
riconosco,
perché?
lacrime che
bagnano quel volto,
che brucia dal dolore,
accarezzo le mie labbra,
mentre
ne bevo il sangue che ne esce,
perché?
perché è il grido
risuona ad eco, in
questa stanza quasi buia,
Io sono donna!
io sono vita!
Io...
io non sò più chi sono,
e grida l'anima,
fermandosi, su di
un perché,
di un volto irriconoscibile,
di una lacrima di dolore.
e tu chi sei tu?
Si! Tu che dicevi di amarmi!?
ed io chi sono!?
Io sono donna e tu,
Tu non potrai
più toccarmi,
no!
Io sono donna,
madre, mamma,
io sono,
e tu non sei,
tu non sei
quello che
un giorno
diceva di amarmi!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Susan

    Ironicamente io

    Sai io mi sento
    molto speciale,
    no, no,
    non sono presuntuosa,
    adesso mi spiego
    meglio...
    a casa mia se si rompe
    la lavatrice,
    anche il frigorifero
    si rompe,
    se piove,
    la pioggia mi
    rompe non un vetro,
    ma tutti i vetri di casa,
    praticamente,
    tutto doppio,
    anche i pagamenti arrivano
    sempre in due...
    e poi se piove!?
    Lasciamo stare diluvia,
    acqua, tuoni
    lampi e qualche tornado!
    Cosa posso fare se
    l'universo mi considera
    speciale!?
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Susan

      Mondo infame

      Lasciami volare,
      mi ami?
      e lascia che io voli,
      non tenermi legata
      ai tuoi ideali,
      lasciami volare,
      vieni con me,
      vola con me
      nell'infinito dell'Universo,
      Guarda, è bello.
      è un sogno poter volare,
      Non vieni?
      Allora lasciami
      andare, non tenermi legata,
      in questo mondo infame,
      lascia che i miei
      sogni siano un volo,
      un volo alto oltre
      l'infinito,
      no non importa,
      tu resta pure,
      ma lasciami volare,
      lasciami andare e
      lascia che io spicchi il volo
      in questo mondo infame,
      che strappa sogni,
      vite e speranze,
      e lasciami volare!
      Vota la poesia: Commenta