Scritta da: Stefano Medel

La mia città

La mia città,
un po' balorda,
un po' antica,
dove tutto cambia lentamente,
e le vie sono piene di ricordi e memorie;
città,
coi suoi lampioni,
il traffico incasinato,
il mio piccolo mondo,
a cui sono legato,
come un gatto randagio,
più legato al posto,
e che alla gente;
tante facce,
pochi amici;
via vai;
la piccola città,
un po' grezza,
un po' provinciale.
Stefano Medel
Composta lunedì 28 ottobre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    Lunedì

    Lunedì,
    giorno tetro e un po' triste,
    dove non hai voglia di fare,
    non avresti voglia di andare;
    si stà bene in casa,
    mentre fuori c'è l'autunno,
    col cielo bianco,
    il fogliame,
    e le castagne rotte per terra,
    qualche parola delle vicine.
    Freddo e la pioggia,
    sembra venire,
    da un momento all'altro.
    Stefano Medel
    Composta martedì 22 ottobre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di