Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Stefano Medel

L'ultimo paese

Da quello che si vede, e
da come vanno le cose,
e da come si sta mettendo,
l'Italia, è proprio destinata
ad essere un paese fetente,
brutto,
invivibile,
e con una qualità della vita
low, bassa a livelli bestiali
e pre industriali;
l'ultimo paese è il nostro,
senza frontiere,
senza controlli,
con leggi deboli e mosce,
dove tutto è affidato
alla volontà del singolo,
e dell'uomo della strada;
lo stato è assente,
carente,
lontano,
latitante,
i servizi sono pochi
e le tasse tante,
facciamo come i gamberi,
e mi sembra sempre peggio;
e la società italica,
è il riflesso della classe politica
e del governo di merda che abbiamo;
il sociale è duro,
la vita è pensante,
violenta,
siamo costretti sempre a sgomitare,
a fare casini,
a litigare per ogni cosa;
un paese di merda,
l'ultimo paese.
In fondo alla sentina d'Europa;
in balia di tutto,
delle migrazioni
e non solo.
Eppure miracolosamente,
ci sono persone,
che in silenzio,
continuano
a impegnarsi e sperare.
Composta domenica 18 settembre 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    Prevalenza

    Sui libri sono scritte cose,
    e ci insegnano tante cose,
    per anni ci fanno credere,
    sul merito,
    su ciò che è giusto,
    e varie altre cose sul dovere,
    e su quello che è giusto.
    Ma in realtà,
    sulla strada, la società,
    segue binari e schemi molto diversi,
    da quelli meritocratici e scolastici;
    nel sociale,
    c'è sempre la prevalenza del peggiore,
    del cretino,
    del più stupido,
    e la palta e il fango stanno a galla,
    e galleggiano bene,
    mentre chi è buono,
    spesso gli va tutto male e va a fondo,
    la società e in mano agli imbecilli,
    ai più cretini,
    ai volgari e i beceri,
    ed è dura per gli onesti e
    per quelli
    che non fanno male a nessuno.
    I buoni tendono a rimetterci sempre,
    e continuano a lavorare
    e impegnarsi,
    in modo eroico,
    e nessuno lo sa.
    Nessuno sa mai, certe cose.
    Composta sabato 17 settembre 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Stefano Medel

      Come Jim Morrison

      Come Jim Morrison,
      sino alla fine,
      al di fuori di tutto,
      cercando piena libertà,
      al di fuori del sistema,
      senza regole,
      senza vincoli,
      o gabbie
      o condizionamenti sociali;
      come Jim Morrison,
      ai margini,
      sempre in lotta,
      contro questo o quello,
      additato,
      esecrato,
      esorcizzato forse;
      ma libero
      al di là del sistema putrefatto,
      che sfrutta la gente;
      come Jim Morrison,
      in un mondo stupido e squallido,
      da solo spesso,
      ma libero di scegliere.
      Composta venerdì 16 settembre 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Stefano Medel

        Paesaggio rurale

        Paesaggio agreste
        campagna che sfila
        passando con la macchina,
        distese di erba medica incolta,
        appezzamenti e
        tubi irriganti,
        distese verdi di ortaggi e zucchini,
        operai e contadini cotti dal sole,
        si avvicendano,
        spaccandosi la schiena,
        vicino un trattore e un furgone;
        paesaggio vecchio e antico,
        scene rurali che ricordano tempi antichi,
        altri tempi,
        dei nonni e i bisnonni
        di un italia diversa,
        un altro mondo,
        altri tempi.
        Composta mercoledì 14 settembre 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Stefano Medel

          Il mare d'autunno

          Il mare d'autunno
          è un qualcosa sospeso
          tra due stagioni,
          una transizione tra estate
          e autunno,
          il mare d'autunno,
          le giornate più corte,
          le prime foglie per terra,
          e il mare con le correnti,
          e il vento,
          tanti villeggianti sono rientrati,
          chi parte,
          chi arriva,
          chi finisce la goduria,
          chi incomincia la feria.
          Ultimo spasso,
          ultimo divertimento,
          ultimo appello,
          poi il locale chiude.
          La stagione va,
          e un anno passa.
          Composta mercoledì 14 settembre 2016
          Vota la poesia: Commenta