Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Stefano Medel

Cerco te

Cerco te,
in mezzo a dei pomeriggi qualunque,
troppo grigi e solitari,
cerco te,
quando vado a piedi per
i carugi di paese,
coi lampioncini accesi,
e in mezzo a facce
estranee, cerco la tua;
cerco te,
nei momenti bui,
quando ho bisogno di
parlare con qualcuno
cerco te,
quando riposo,
quando scende la sera,
e mi sento solo
e sperduto,
come una foglia secca
alla deriva,
cerco te,
perché sei unica,
e mi dai calore e forza,
non dimenticarmi.
Composta sabato 17 maggio 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    Alla fine della notte

    Alla fine della notte,
    restano pensieri mai
    pensati,
    sogni andati,
    persi per sempre,
    chimere smarrite,
    desideri incom piuti;
    la notte vola,
    e non ho avuto tempo,
    di dirti, cose,
    di farti capire,
    di farti pensare;
    tu vai di fretta,
    e non ti curi di me;
    e la notte è fuggita quasi,
    svelta come un gatto nero;
    la notte coi suoi sussurri,
    le parole smorzate,
    luci soffuse,
    neon che baluginano
    nel buio,
    semafori cangianti;
    la notte va,
    va via in fretta.
    Composta giovedì 15 maggio 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Stefano Medel

      Domenica un po' così

      Domenica un po'
      dritta un po' storta,
      domenica così,
      così,
      il tempo non passa mai,
      tra la noia,
      le voci dei vicini,
      il vento che soffia
      forte e manda freddo,
      una domenica come altre,
      niente di speciale,
      un po' noiosa,
      un po' vuota,
      specie se tu non chiami;
      festa normale,
      che passa così,
      tra gesti rituali,
      e qualche imprevisto,
      con un po' di tristezza
      nell'aria.
      Composta domenica 11 maggio 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Stefano Medel

        vento

        Sibilo del vento,
        che viene da lontano,
        dai monti,
        da posti remoti,
        che vedo solo con la
        fantasia,
        che arriva dalla Scandinavia,
        dove c'è sempre fresco;
        soffia e sbatte i nailon e il bucato,
        le cartacce svolazzano per il cortile,
        immerso nel silenzio festivo;
        tutti dormono ancora,
        il tempo passa fiacco e lento,
        noia da giorno di festa,
        cosa si farà,
        cosa succederà,
        da qualche parte la fiera,
        cogli ombrelloni e i banchetti, la gente andrà,
        via vai della domenica,
        qualche cosa sarà.
        Composta domenica 11 maggio 2014
        Vota la poesia: Commenta