Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Stefano Medel

Il paradosso della libertà

La gente,
la più parte,
è cieca e stupida,
e odia la libertà degli altri;
non sono i tuoi capelli,
o il modo di vestire;
ma ciò che rappresenti,
fa paura alla società,
la libertà;
e si fa un gran parlare,
di essere liberi;
m a parlare di libertà,
e un conto,
essere liberi sul serio, è un altro
paio di maniche;
esserlo davvero;
ti fanno credere,
un sacco di balle,
ma cercano di fregarti,
e di toglierti,
il buon nome,
la stima di te stesso,
di farti passare per pazzo;
per paura della libertà;
la società non accetta la libertà,
siamo solo dei pecoroni,
un gregge;
non c'è vera libertà;
non è facile,
a meno che non sei potente.
Composta sabato 13 dicembre 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    La vita è ben poca cosa

    La vita è ben poca cosa
    In fondo,
    è breve,
    veloce e corta;
    a cosa si riduce,
    a poche cose semplici,
    invecchiare,
    stare insieme ai nostri cari,
    ammazzare il tempo in qualche modo;
    la vita è precaria,
    instabile,
    incerta,
    e il futuro non è mai sicuro;
    la vita è provvisoria,
    e l'uomo non è che una canna
    al vento;
    oggi ci sei,
    domani non ci sei più,
    basta poco per spazzarlo via;
    la vita è breve e insicura.
    Composta venerdì 28 novembre 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Stefano Medel

      La vita è un altalena

      La vita è un altalena, che
      Non si ferma mai,
      a volte,
      gente da perdere,
      da smarrire,
      con le loro parole stupide
      e vuote;
      altre volte,
      per fortuna,
      persone,
      che sono dalla tua parte,
      che ti vedono volentieri,
      e sono disposte a fare molto
      per te;
      gente buona e cattiva;
      purtroppo di male e
      di stupidi ce ne sono tanti;
      la vita è così,
      un altalena.
      Composta giovedì 27 novembre 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Stefano Medel

        Per te

        Per te,
        rido ancora,
        di tutto questo
        brutto mondo;
        per te,
        esco di casa,
        anche s e non mi va,
        anche se di certa gente,
        non mi frega niente;
        per te,
        guardo avanti,
        e spero
        nonostante tutto,
        spero per noi,
        per noi due,
        per un futuro,
        una speranza,
        per te,
        cammino ancora
        fuori,
        anche quando
        del mondo,
        non me n e fregava
        più niente,
        per te.
        Composta mercoledì 26 novembre 2014
        Vota la poesia: Commenta