Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Stefano Medel

Libertà che è libertà

Faccio quello
Che mi va,
anche quando non
mi è concesso,
me ne frego,
ed invento anche bugie,
per fare a modo mio;
vivo e voglio, la mia libertà;
libertà che cerco,
che penso,
che ho dentro,
libertà, che è libertà.
A volte dei bastardi,
a parlarmi sulla schiena;
penso per me
e me ne frego di tutti,
e cerco la mia libertà,
libertà,
che è libertà.
Composta venerdì 1 maggio 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    Si resta soli

    Solo,
    è passato tanto tempo,
    e poi ti ritrovi solo,
    coi capelli bianchi,
    i sogni perduti,
    le occasioni mancate;
    lei non chiama,
    non capisce,
    la tua solitudine;
    si resta soli,
    a volte, in casa,
    fuori, in mezzo ai tanti;
    si resta soli, per colpa o per difetto,
    per scelta
    o motivazione,
    si resta soli,
    e nessuno ne sa niente.
    Composta martedì 28 aprile 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Stefano Medel

      Essere liberi

      Essere liberi,
      veramente liberi,
      in Italia,
      è un lusso di pochi,
      come tutte le cose
      importanti,
      in Italia, sono complicate,
      e difficili il doppio;
      e solo i potenti e i ricchi,
      riescono ad essere,
      molto liberi,
      da fare quello che vogliono;
      per gli altri,
      quelli normali,
      in basso;
      è una lotta,
      una grana,
      un problema non da poco;
      parlare di libertà è un conto,
      e non costa niente,
      essere veramente liberi è un altro
      paio di maniche,
      e non è facile.
      Composta domenica 26 aprile 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Stefano Medel

        Pomeriggio con te

        Pomeriggio con te,
        e sono felice,
        il tempo vola via
        in un attimo,
        passeggiamo,
        beviamo qualcosa,
        tu fumi alla grande,
        non ti fermi mai,
        avanti e indietro;
        non stai ferma,
        è la tua età,
        la tua giovinezza,
        che si fa sentire,
        ed io ti sto dietro,
        come posso,
        col peso degli anni,
        i miei guai,
        che tu non sai,
        di cui non ti parlo;
        la giornata, vola via,
        io con te.
        Composta giovedì 23 aprile 2015
        Vota la poesia: Commenta