Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Stefano Medel

Libera

Non ti fermi mai,
non hai quiete,
come ci si aspetta,
dalla tua età;
devi andare,
muoverti,
e non ti guardi mai dietro,
non hai rimorsi,
e non ti accorgi
della mia età,
della mia stanchezza,
del fatto che non posso
sconfiggere il tempo,
che incalza,
ma tu non lo sai,
non lo capisci;
tu capisci,
solo la tua vita,
i tuoi sogni,
senza aspettare me.
Composta martedì 19 maggio 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    Il pazzo di qua

    Pazzo,
    e sono sempre qua,
    non mi arrendo,
    non rinuncio,
    sono qua,
    anche se la gente non
    è d'accordo,
    anche se non gli va;
    sempre a parlarmi dietro,
    della gente me ne frego,
    e non sono menomato,
    sono pure diplomato;
    ma la gente non capisce,
    non ci arriva,
    e sputano solo sentenze,
    e fanno presto,
    a distruggere;
    sono qua,
    sono qua,
    sempre assetato di libertà.
    E non seguo il carrozzone,
    esco fuori dal seminato,
    sempre cercando la
    mia libertà.
    Composta mercoledì 6 maggio 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Stefano Medel

      Un'altra primavera

      Veggo il cielo
      da ogni lato,
      aria tiepida
      e delizia di maggio;
      strisce d'aereo passato,
      fuito via, andato chissà dove,
      verso un'altra estate;
      e mi soffermo estasiato,
      mentre una brezza fresca,
      mi gratta il viso barboso;
      i giorni sono lunghi adesso,
      la luce non spaura,
      e il buio cala tardi;
      e sento la primavera,
      un'altra primavera,
      in me.
      Composta sabato 2 maggio 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Stefano Medel

        Finché ci sarò

        Io ci sarò,
        ci sarò per te,
        anche quando sarò stanco,
        sarò nervoso,
        e accaldato,
        per il caldo,
        e il peso degli
        anni che mi porto addosso;
        io ci sarò per te,
        e ti penserò ogni giorno un po',
        e mi sforzerò un pochino,
        per stare con te,
        e risolvere i tuoi guai,
        ci sarò, per te;
        finché mi vorrai,
        finché ci sarò.
        Composta venerdì 8 maggio 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Stefano Medel

          E scusatemi sono poeta

          E sono un po' pazzo,
          e un po' artista,
          un po' ciarlatano
          e letterato,
          e scusatemi vado di fretta,
          c'è il popolo che mi aspetta;
          e ne ne frego delle regole,
          e vivo la mia libertà,
          che per me artista è tutto,
          senza libertà non c'è arte,
          non c'è vera poesia,
          e il pensiero deve essere libero;
          e dei luoghi comuni,
          delle convenzioni,
          me ne importa nulla;
          e scusatemi sono poeta.
          Composta giovedì 7 maggio 2015
          Vota la poesia: Commenta