Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Stefano Medel

La felicità

La felicità a volte
è provvisoria,
e dura un attimo,
un momento,
altre volte un po' di più;
ma non è facile, trovare la felicità,
in questa nostra società di consumi;
trovi tante cose,
beni materiali, cibo,
cose voluttuarie,
ma a volte,
la felicità non
si raggiunge mai;
la insegui per tutta la vita;
ma scappa tra le dita,
per colpa della crudeltà
degli altri,
perché è un mondo brutto,
per tante ragioni.
Composta sabato 17 ottobre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    Le due facce della medaglia

    Siamo sempre in bilico,
    sospesi su un filo,
    tra male e bene,
    cose positive e negative;
    vita a due facce,
    i due risvolti della medaglia;
    per ogni cosa positiva, ce n'è un'altra negativa;
    bene e male;
    ma per quanto ci siano,
    cose brutte,
    ci sono sempre degli amici
    e delle persone che ti aiutano;
    e il male non dura in eterno,
    e non vince sempre,
    dopo la pioggia,
    viene il sereno;
    si tira avanti,
    pensando al meglio della giornata
    e alle cose positive.
    Composta giovedì 15 ottobre 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Stefano Medel

      Sono io, un artista

      Non m'interessa quello
      che dice la gente;
      non sanno niente,
      non mi conoscono,
      le sparano grosse e
      tirano ad indovinare,
      ma i miei segreti sono
      solo miei;
      io vado per la strada mia,
      con le mie eccentricità,
      le mie peculiarità;
      sono un artista,
      un letterato,
      un creativo,
      e seguo la mia arte;
      per quanto se ne dica;
      e non voglio essere uguale,
      agli altri,
      io sono io,
      con la mia storia,
      i miei pensieri,
      sono io.
      Composta lunedì 12 ottobre 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Stefano Medel

        Ognuno con la sua solitudine

        La stanza buia,
        in penombra;
        luce fioca del mattino,
        tra le persiane;
        vorrei urlare forte il mio dolore,
        la mia immane solita
        solitudine,
        ma l'urlo,
        mi muore in gola,
        la gente non capirebbe,
        ma solo, riderebbe;
        ognuno di noi si tiene la sua
        solitudine
        personale e i suoi guai;
        ognuno di noi cammina un
        po' solo,
        cercando un sorriso,
        una voce amica,
        una mano da stringere,
        un amico da ritrovare,
        un amore da incontrare.
        Composta sabato 10 ottobre 2015
        Vota la poesia: Commenta