Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Stefano Medel

Non hai capito

Dove sei adesso,
non so più niente,
tutto mi pare
lontano e remoto,
come se fossero passati dei secoli,
tra noi;
siamo stati insieme
per
tanto tempo,
tra alti e bassi;
e ancora non hai capito di me,
ancora ti sfugge cosa è successo;
che io ci sono,
sono qua,
e ti ho voluto bene,
sopra ogni cosa,
ma tu non lo capisci,
ti sfugge;
tu capisci solo la tua libertà,
la tua voglia di fare,
e di andare,
e non ti fermi mai.
Composta venerdì 6 novembre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    Trovare l'amore

    Trovare l'amore,
    in un mondo fetente
    come questo,
    pieno di egoismo e brutture,
    non è facile;
    ognuno si accontenta, e fa come può;
    si prende l'amore dove lo si trova;
    e c'è chi è fortunato,
    chi è ricambiato e chi no;
    c'è chi ha fortuna con le donne,
    e altri,
    che invece, non sono precoci;
    amare e d essere amati,
    non è scontato,
    e non è facile;
    tutto è affidato al caso,
    alla fortuna,
    alle abitudini,
    alle frequentazioni,
    che uno ha;
    chi conosce tanti,
    e chi invece è solo,
    e di gente ne vede poca;
    ognuno di noi,
    cerca l'amore,
    vagabondando disperato,
    cercando di colmare la
    propria solitudine.
    Composta lunedì 2 novembre 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Stefano Medel

      Aria di paese

      Aria di paese,
      un po' smorto,
      fiacco
      e sonnolento,
      come tutti paesi di provincia;
      un po' rifugio,
      un po' buco fetente,
      con gente amica,
      e altri,
      che non ti possono soffrire;
      il bello e brutto d'un paese;
      a cavallo dei bricchi;
      tra due fiumi;
      mentre sogni di andare via,
      e lasciartelo alle spalle;
      ma è pur sempre,
      quello,
      che chiami casa.
      Composta domenica 25 ottobre 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Stefano Medel

        Dire pazzo

        La gente fa presto a dire pazzo,
        si dà del pazzo come niente,
        senza sapere,
        senza conoscere,
        senza pensare;
        la gente non sa niente e parla,
        dando fiato,
        e dimostra solo ignoranza,
        stupidità,
        conformismo e preconcetto;
        la gente vive solo di sentito dire,
        e non capiscono niente,
        tirano solo ad indovinare.
        Composta venerdì 23 ottobre 2015
        Vota la poesia: Commenta