Scritta da: Stefano Medel

Freno a mano

Un freno a mano,
un freno vorrei,
per fermare
i sogni miei,
per rallentare un pochino,
la corsa del tempo,
e stare con te,
più a lungo,
e bloccare i momenti belli,
quelli migliori,
quando siamo vicini,
quando tu
sei con me,
e mi tieni la mano,
e mi baci,
e mi dici
tante cose;
e un freno a mano,
ci vorrebbe,
per dire alt,
per un po';
fermare il tempo,
fermare tutto quanto,
e fare in modo,
che non sia domani,
che le persone non vadano via,
che le cose non finiscano,
e sia troppo tardi,
che non ci siano addii,
fermare tutto,
con un freno a mano,
questo tempo reo,
che scappa via,
veloce,
e non te ne accorgi quasi,
e gli anni volano,
le cose si fanno sbiadite,
e lontane,
tutto corre via,
tutto scappa,
e non ritorna più;
poter frenare tutto,
con un freno a mano,
per tenere vicine,
le cose belle,
ancora un po'.
Stefano Medel
Composta martedì 2 ottobre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    Povero poeta sentimentale

    Non mi guardi,
    non mi senti,
    non ti vedo; sparisci
    e te ne vai;
    e io qui,
    povero poeta sentimentale;
    guardo la tua figura allontanarsi,
    e soffro in silenzio;
    mio piccolo cuore infranto,
    in silenzio;
    aspetto che tu ci pensi,
    che ci ripensi,
    che mi vedi,
    che capisci;
    io povero poeta sentimentale,
    mi perdo nella mia malinconia,
    dentro qualche solita
    solitudine di sempre;
    non mi resta molto, senza di te;
    io povero poeta sentimentale;
    che patisco un po' per la tua assenza,
    ma toglierti la libertà,
    sarebbe una crudeltà;
    io povero poeta sentimentale.
    Stefano Medel
    Composta mercoledì 12 settembre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Stefano Medel

      Se riderai

      Ridi,
      ridi pure,
      ridi quanto ti pare;
      se tu riderai,
      io riderò,
      se tu piangerai,
      io piangerò,
      e proverò dolore per te;
      ridi,
      ridi pure;
      se potessi,
      ti regalerei cento risate,
      e l'allegria,
      una bottiglia di allegria,
      da portarti appresso,
      quando sei triste,
      quando sei sola;
      ridi, ridi,
      se tu ridi,
      c'è speranza,
      e la speranza,
      sono i tuoi occhi ridenti,
      se tu ridi,
      rido anch'io,
      e dimentico questo
      brutto mondo;
      ridi,
      ridi,
      ridi ancora.
      Stefano Medel
      Composta lunedì 10 settembre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Stefano Medel

        Se tu ascoltassi

        Se tu ascoltassi,
        ti parlerei con parole nuove,
        e ti direi tutto di me,
        e ti parlerei
        dei miei momenti
        belli e brutti,
        della tristezza,
        dei miei dolori,
        del mio cercare affetto,
        in questo mondo brutto
        e squallido;
        se tu ascoltassi,
        stare con te,
        tutto il tempo,
        ti abbraccerei,
        come un girasole
        bacia il sole;
        se tu non te andassi,
        non ti perderei,
        e avrei ancora speranza,
        se tu mi sentissi,
        stare vicino a te,
        e non ti lascerei mai,
        non andartene,
        ascoltami,
        ascoltami,
        se vuoi.
        Stefano Medel
        Composta sabato 1 settembre 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Stefano Medel

          trovare le parole

          Trovare le parole,
          quelle giuste,
          quelle che funzionano,
          delle parole che non dimentichi,
          che ti restano,
          da cui impari qualcosa;
          trovare le parole,
          le avevo,
          e poi sono scappate via,
          svanite,
          scordate;
          erano parole,
          sentimentali,
          con qualche emozione,
          parole d'amore,
          per te,
          per farti ragionare,
          per farti capire,
          che io ci sono,
          e sono qui,
          sono qui,
          per te,
          in punta di piedi,
          sono qui,
          e tu non mi vedi,
          non capisci,
          non ti rendi conto,
          del bene che ti voglio,
          parole,
          parole,
          trovassi quelle giuste,
          per te,
          per te.
          Stefano Medel
          Composta venerdì 31 agosto 2012
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di