Scritta da: Stefano Medel

le sei del mattino

Le sei,
più o meno,
cielo scuro nei vetri,
ancora tracce della notte,
attaccate ai muri,
per il cortile,
nelle strade;
bruma notturna,
mattino presto,
macchine gelate,
piene di brina,
freddo insistente,
silenzio,
tutti dormono ancora;
tra non molto albeggerà,
e sarà domani,
bello o brutto,
si vedrà;
voglia di silenzio,
di pace,
di cose semplici,
starmene in casa mia,
e basta.
Stefano Medel
Composta venerdì 21 dicembre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    Vorrei amare

    Vorrei amare,
    finché ancora un
    po' di tempo rimane,
    vorrei amare,
    per voltare le spalle alla
    solitudine e andare via,
    verso un'altra vita;
    vorrei amare per sorridere di nuovo,
    e dimenticare la noia e la malinconia;
    per trovare la bellezza,
    per perdermi, negli occhi
    dell'amata,
    per volare con la fantasia,
    e dimenticare il brutto e il mondo,
    per quello che è;
    vorrei amare,
    perché vinca la speranza e la gioia di vivere,
    perché sento di poter dare,
    perché provo tante cose,
    e non vorrei finire solo;
    vorrei amare,
    anche quando nessuno,
    se lo aspetta più,
    ancora.
    Stefano Medel
    Composta martedì 18 dicembre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di