Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Stefano Medel

Durante la notte

Buio circostante,
lucette lontane,
qualche festone natalizio,
un alberello lontano;
freddo e gelo,
che ti schiaffeggia
la faccia;
piena notte,
non un lamento,
non un gatto,
che gira,
niente;
tutto è fermo,
immoto,
silente;
dormiente;
guardi le auto ferme,
che luccicano sotto
i lampioni;
come sagome strane
e mostruose;
persiane serrate,
sono tutti,
nel mondo dei sogni;
sacchetto della spazzatura,
lo appoggi fuori,
guardi il cortile deserto,
notte fonda,
notte livida,
di brina,
nuvole strane, avvolte e scure
girano nel cielo;
notte.
Composta mercoledì 12 dicembre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    Libertà anche per me

    Libertà,
    libertà un pochino
    per tutti,
    ma libertà,
    anche per me;
    di fare come voglio,
    di s tare per conto mio,
    di avere silenzio nella mia vita;
    libertà per tutti,
    che ognuno,
    abbia il suo,
    ma libertà,
    anche per me;
    libertà adesso,
    subito,
    non accetto,
    non mi muovo,
    non corro,
    non sento nessuno;
    libertà,
    che è libertà.
    Composta martedì 11 dicembre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Stefano Medel

      Il mio tempo per me

      Occhi stanchi,
      voglia di sbadigliare,
      la notte è andata,
      e chi se ne frega;
      casa mia,
      e và bene così;
      il mondo fuori,
      vada pure via,
      faccia cosa vuole,
      me ne frego,
      non muovo un capello,
      e vado in spazi liberi,
      perdendo il tempo come voglio,
      la vita è la mia,
      decido io  e basta;
      alzo le spalle,
      passa un ora,
      o un eternità;
      il mio tempo,
      è solo mio,
      e non mi interessa
      di nessuno.
      Composta domenica 9 dicembre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Stefano Medel

        Notte senza fine

        La notte,
        senza fine,
        oscuro antro,
        interminabile,
        per chi,
        ha perso il sonno;
        ombre scure e
        strane,
        luci soffuse,
        lampioni pallidi,
        cortili deserti e
        belluini,
        avvolti dal gelo
        della notte;
        domani cosa sarà,
        boh,
        speriamo bene;
        farà bello o brutto;
        adesso la notte domina tutto,
        con la sua pausa,
        il suo intermezzo;
        voglia di partire,
        di lasciare l'inverno,
        alle spalle,
        e questo piccolo,
        sporco paese;
        dimenticare tutto,
        e andarsene;
        lontano,
        lontano;
        un altro posto,
        un'altra notte.
        Composta venerdì 7 dicembre 2012
        Vota la poesia: Commenta