Scritta da: Stefano Medel

Ultimi sprazzi della notte

Ultimi sprazzi della notte,
ogni cosa immersa
nell'oblio;
silenzio totale,
cortile deserto,
qualche lucetta accesa
in finestre lontane,
nel caseggiato,
qualcuno si è già alzato e stà
partendo.
Atmosfera dormiente,
ed irreale.
Pare che il giorno,
non arrivi più.
Più tardi,
più tardi,
ci penseremo
più tardi.
Stefano Medel
Composta sabato 9 febbraio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Medel

    Io e te

    Ciao, ti dico ciao,
    mentre ti guardo,
    tu accendi il mio giorno,
    e ti amo sempre un po' di più;
    e di guardarti, non si stancherei,
    e di parlarti,
    vorrei;
    che tu ascoltassi un po',
    e non andassi via,
    aspetta un attimo,
    un attimo,
    non andare a fumare;
    rimani qui,
    con me,
    rimani qui,
    un altro po';
    due anime vicine,
    mentre il mondo non sa niente,
    e che vada al diavolo;
    io e te,
    noi due,
    in mezzo a questo mondo,
    così folle e strano;
    io e te.
    Stefano Medel
    Composta martedì 5 febbraio 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Stefano Medel

      Tutto corre

      Tutto corre,
      tutto passa,
      anche se non ci pensi,
      anche se non vuoi;
      e non vuoi sapere,
      né vedere;
      ma il mondo,
      il mondo è cambiato;
      tutto continua lo stesso,
      anche senza di te,
      non c'è molto da dire;
      tanto vale,
      cercare di vivere,
      di fare,
      meglio che si può;
      cercando le cose semplici,
      l'amore,
      l'amicizia,
      la serenità;
      per quanto possibile,
      anche s e non è facile,
      andare avanti.
      Stefano Medel
      Composta martedì 5 febbraio 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Stefano Medel

        Questa vita senza pace

        Questa vita sempre uguale,
        che a volte mi spaventa,
        a volte, mi stanca;
        e mi lascia senza forze;
        con le preoccupazioni,
        e gli anni,
        che cominciano ad esserci;
        e questa catena d'odio, e di male,
        la cattiveria della gente;
        chi spezzerà questa catena;
        è mai possibile,
        non poter mai vivere in pace;
        ed inseguo un sogno di normalità,
        di quiete,
        di silenzio,
        e gli anni passano,
        svelti;
        tante cose da dire,
        da fare;
        mentre niente và mai, come
        vuoi;
        sempre qualche guaio,
        sempre qualche grana.
        Stefano Medel
        Composta venerdì 25 gennaio 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di