Poesie di Stefano Amoroso

Nato domenica 20 luglio 1969 a caserta (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Diario.

Scritta da: Stefano Amoroso

Noi

Al di l,
di ogni io, di ogni tu
i nostri sguardi, i nostri abbracci
tra le mani, le nostre mani;
i mie passi, i tuoi passi
i nostri passi, attraverso fossi e sassi;
al di l,
di ogni poi e di ogni forse
solo adesso , ogni istante;
al di l,
di ogni dove, di ogni quando,
distanti, trovarsi senza toccarsi;
al di l
di ogni io, e di ogni tu
e del profumo dei fiori
noi...
Stefano Amoroso
Composta sabato 3 dicembre 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Stefano Amoroso

    L'ansia

    l'ansia
    a non darti voce,
    a renderti prigioniero,
    ad opprimerti i sensi,
    a rubare momenti alla vita.
    l'ansia,
    a rendere accecante la luce del sole,
    opprimente il buio della notte,
    soffocante l'aria che respiri.
    l'ansia,
    a rendere lontane,
    le mete da raggiungere,
    infinite,
    le distanze da percorrere,
    fermo,
    il tempo delle attese
    l'ansia,
    a insinuarsi prepotente e parassita,
    nel trascorrere veloce della tua vita,
    lei,
    taciuta e meschina ladra di te stesso, vigliacca,
    ed opportunista che ad altri,
    sai mostrar forme diverse.
    l'ansia,
    che impone il suo volere al tuo cuore,
    che ti rapisce il fiato prima di incominciare a correre.
    l'ansia,
    a decider sei sazio,
    se hai gioia,
    se hai dolore.
    l'ansia,
    a godere della tua esistenza, delle tue emozioni,
    ad essere protagonista nella malattia.
    l'ansia,
    la compagna fedele e lo sar tale fino al giorno in cui la gentil morte,
    chieder permesso ad essa, di lasciarti libero,
    di andare...
    io, ho paura solo di me stesso dell'ansia.
    Stefano Amoroso
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Stefano Amoroso

      Terra violata

      Mi hanno calpestato
      mi hanno divorato
      un solco di vanga
      e un seme piantato.
      Mi ha rivoltato
      con roghi infangato
      di terra dei fuochi
      mi hanno infamato.
      Son la tua terra
      ai figli ho donato
      un fiore che cresce
      da seme piantato.
      Concime di padre
      a figlio lasciato
      un solco di zappa
      un seme piantato.
      Frutti maturi
      sudore che gronda
      la terra che bagna
      non grida vergogna
      Il fumo che oscura
      la terra che brucia
      su vita che arde
      non cercar scusa.
      Mi hanno calpestato
      mi hanno divorato
      un solco di vanga
      e un seme piantato
      mi ha rivoltato
      con roghi infangato
      di morti ammazzati
      mi hanno indignato.
      Dalle radici
      son frutto maturo
      un seme piantato
      un figlio sfamato...
      un solco di vanga
      d'amor coltivato
      un solco di ruspa
      Un figlio ammazzato.
      Stefano Amoroso
      Composta domenica 8 maggio 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Stefano Amoroso

        n stella int' a'nuttat

        Add.....dimane
        tu 'o saje,
        quann st core f male assaje ;
        na sera, cu i stelle n'ciele abbicciate,
        chist'uocchie miej
        t' han n'cuntrate
        e tu,
        regina miezza all'ate,
        m' facist m'pazz  co ll'uocchie  tuoie, n'cantate.
        Chiss,
        se n stella carenn v,
        inta nuttata;
        n desiderie
        l' add  purt a st'omm disperate...
        ca tu 'o ssaje,
        che chist'omme, s' annamurate...
        dimane, add
        tu 'o saje,
        se n stella
        carenn v , inta a'nuttat.
        Stefano Amoroso
        Composta luned 1 settembre 2014
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Stefano Amoroso

          'A speranza

          C speranz
          nun so sule
          e ogni jurne
          jesce 'o sole
          se scetene 'e penziere
          chine e gioia e culore
          chi a speranza
          nunn' a 'tene
          guardo "o cielo
          cu i catene
          tene l'ale ma n vola
          e n meta mai n trova
          c speranza ogni cosa
          p cagn inta n' ora
          pure chill c t' dice:
          i ' m mora 'p dulore
          chi a speranza nunn "a crere
          tene luce e nient vere
          mette in croce ogni pensier
          e s'arrende tutt" e sere
          'a speranza sentiment
          che alluntana ogni paura
          n pensiere che p gente
          rende certo ogni future
          'a speranza comm'e 'o doce addolcisce tutt 'e cose
          pure quann tu stai male
          nnn niente accuss ammare
          'a speranza alleria
          che t'arape tutt'e vie
          'a speranza done e Dio.
          Stefano Amoroso
          Composta marted 8 marzo 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di