Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Sonia Demurtas

Artista, nato nel 1976 a Nuoro (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Sonia Dem.

Tra i topazi e le fresie

Sei pieno di tutte le ombre che mi inseguono
di tutti quegli attimi che mi lasciano un segno...
Tu sei dove le rose si schiudono...
ove uccelli di bosco sussurrano ai monti
sei tra i topazi e le fresie
tra il suono di campane che si espande e le chiese
Sei pieno di domande e muto di risposte
Ombra e luce sono le tue colpe.
Composta domenica 11 ottobre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Sonia Dem.

    L'anima

    L’anima dimora
    nell’ombra, tra le ombre…
    tra quelli che mi sfiorano ignorandomi…
    e quelli che io sfioro ricordandomi…
    l’anima dimora,
    tra soffici cuscini d’allegria,
    tra i sorrisi che mi doni amandomi…
    e quelli che ti dono amandoti;
    L’anima dimora
    nei giorni di sole…e in quelli di pioggia…
    tra una lenta foschia
    che abbraccia il corpo e l’anima mia.
    Composta nel 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Sonia Dem.

      Bocca di rosa

      Se ritornasse indietro questa vita...
      come crearla e poi plasmarla nuovamente

      farei di te germogli di un arbusto
      che al vento non si piega e non si spezza;

      Farei dell'aria un misero concerto...
      vibrato al sole, libero e sofferto;

      Se ritornasse indietro questa vita...
      come crearla e poi plasmarla nuovamente...

      farei di me ninfea che brilla al sole...
      tra il glicine fiorito e le parole...

      e a te che gli occhi inteneristi...
      darei bocca di rosa per sfamarti.
      Composta nel giugno 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Sonia Dem.

        La chiesa del silenzio

        La più bella Ave Maria, l'ho cantata in una chiesa vuota...
        su un altare profumato di mimosa...
        mentre evocavo pensieri
        e cingeva desideri.

        E ho cantato di me nel silenzio...
        forgiando autunni in un cielo immenso...

        e pregavo di appassire...
        come foglia che cade dal ramo...
        per non sentire t'amo, dalla bocca di nessuno...
        "Nessuno che non fosse lui che Amo".

        La più bella poesia...
        l'ho scritta in mezzo a un rovo
        tra le sbarre di un dolore lacerante più del fuoco,
        consumato a poco a poco...
        dentro i margini di un giuoco.

        E tremavo di malinconia...
        usignoli e falchi portavano via la storia mia...
        "Occorreva un grande amore per amarci"
        l'abbiam Fatto...
        ora cosa resta alle mie ore...
        in questo lento naufragare del mio cuore!
        Vota la poesia: Commenta