Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: piumarossa70
Durante la gioventù ho rispettato
il mondo e la vita,
non avevo bisogno di nulla
se non della pace del cuore...
E tuttavia sono cambiato
a dispetto di me stesso
e ho creduto negli inganni della società...
Lei sembrava conoscere tutta la verità
e mi aveva promesso di rendermi felice...
Mi ha fatto chiedere a Dio Padre
la ricchezza, così sarei divenuto potente...
Mi è stata donata la povertà,
per aiutarmi a trovare la forza interiore...
Ho invocato il successo,
così che gli altri mi riconoscessero...
Mì è stata offerta l'oscurità,
affinché potessi conoscere me stesso...
Ho pregato di avere una persona da amare,
per non ritrovarmi mai solo...
Mì è stata riservata una vita da eremita,
perché imparassi ad accettarmi...
Ho implorato il potere
che volevo riuscire a raggiungere...
Mì è stata donata la debolezza,
cosi che potessi imparare a ubbidire...
Ho domandato che mi fosse data
la salute, per poter condurre
una lunga esistenza...
Mì è stata data l'infermità affinché
imparassi ad apprezzare ogni minuto...
Ho chiesto a Madre Terra la forza
Così da riuscire a trovare la mia strada...
Mì è stata concessa la fragilità
per fare nascere in me il bisogno di lei...
Ho invocato una vita felice
perché potessi godere dell'esistenza...
Mì è stata regalata la vita,
perché potessi trascorrerla gioiosamente...
Non ho ricevuto nulla di ciò che desideravo
e tuttavia tutti i miei desideri
si sono avverati.
Vota la poesia: Commenta