Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Sir Jo (Sergio Formiggini)

Analista Programmatore, nato a Vibo Valentia (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Sir Jo Black

Un amore perso

Alla tua anima
porterò il mio pensiero
nelle notti,
ora e sempre,
vuote di te.

Sentirai:
il mio dolore,
intensità,
baci e carezze persi.

Alla mia anima
tornerà la tua incredulità
nelle notti,
ora e sempre,
vuote di me.

Sentirò:
la tua meraviglia,
intensità,
pensieri e sospiri dolci.

Da fili di Luna portate
ricordano
le nostre anime
un amore perso.
Composta martedì 5 aprile 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Sir Jo Black

    Ancora aspetto

    Una spiaggia di desideri,
    lì era scritto "Noi".
    Il mare l'ha cancellato.

    Ancora aspetto lì!

    Prego il Mare:
    "Restituisci i nostri sogni,
    che lei senta quelle immagini!"

    Ancora aspetto lì!

    Prego la Luna:
    "Scrivi 'Noì nel cielo,
    che lei veda quella luce!"

    Ancora aspetto lì!

    Prego il Vento:
    "Porta 'Noì nel mio urlo,
    che lei senta quella voce!"

    Ancora aspetto lì!

    Su quella spiaggia:

    La tua anima,
    come Mare,
    avvolgerò di me.

    Il tuo buio,
    come Luna,
    illuminerò di me.

    Il tuo essere,
    come Vento,
    trasporterò da me.
    Composta martedì 15 marzo 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Sir Jo Black

      ... è dolore!

      Dentro la pazzia è dolore:
      uccido
      noi...
      in un volo, sangue.

      Perché sei voluta andare?

      Fuori la pazzia è dolore:
      cammino
      io...
      in uno spazio, vuoto.

      Perché sei dovuta andare?

      Dentro la pazzia è rosso,
      malsani pensieri
      costruiti.
      Dolore.

      E tu sei via!

      Fuori la pazzia è grigio,
      antichi sogni
      infranti.
      Dolore.

      E tu sei via!
      Composta venerdì 11 marzo 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Sir Jo Black

        Affogato in profonda solitudine

        Affogato in profonda solitudine
        muovo passi stanchi nel nulla.
        Ora è tutto da rifare.
        Raccolgo suoni cancellati:
        emergono antiche attese,
        perse attese,
        estasi d'attimi andati.
        Raccolgo liquidi amari:
        dipano antichi sogni,
        uccisi sogni,
        testimoni di giorni chiari.
        Ora il buio taglia l'anima!
        Composta giovedì 3 marzo 2011
        Vota la poesia: Commenta