Poesie di Sir Jo (Sergio Formiggini)

Analista Programmatore, nato a Vibo Valentia (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Sir Jo Black

Depressione

Ora il silenzio uccide.
Ogni sforzo cade,
la forza è un ricordo.

Lancio la mia voce,
torna eco inascoltata,
intorno è noia.

Svuotata di tutto
l'anima cammina lenta,
avvicina dolore e lutto.

Tutto, tutto non è,
tutto resta attesa,
tutto resta uguale,
anche domani.

Scorra tempo amaro,
e silenzio ne accampi,
di altri giorni alti,
un costruito futuro.
Sir Jo (Sergio Formiggini)
Composta giovedì 20 settembre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Sir Jo Black

    L'anima che bramo

    Dov'è l'anima che vicina bramo?
    Dove sono gli occhi ove affondavo?
    Dov'immergerò i miei sguardi,
    sguardi trabbocanti desiderio, amore?

    Solo avanzo passi pesanti e tristi.
    Cerco il riflesso dei sensi,
    trovo ricordi caldi e amati.
    Cerco lo sguardo di cui ho sete.
    Trovo buio e altri vuoti silenti.

    Voglio te che amo da tanti ieri,
    bramo il tuo fremito con me,
    devo sentire il nostro calore,
    abbraccio di sesso cercato.

    Tu fuggi, io attendo anche oggi.
    Guardo lo specchio e sono gli occhi miei,
    dentro ancora i tuoi che vedono me.
    Solo, davanti a riflessi amo te,
    aspetto ancora un domani che verrà.
    Sir Jo (Sergio Formiggini)
    Composta venerdì 21 settembre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Sir Jo Black

      Nello specchio

      Corpi bianchi,
      avvolti nello specchio,
      si riflettono su noi.

      Appaghiamo il desiderio,
      cancelliamo il dolore,
      abbracciati nel sesso,
      cerchiamo amore.

      Si affollano figure,
      lo specchio, anima, parla;
      noi, lì, in un attimo.

      Nello specchio, poi, fantasmi;
      noi fantasmi...
      Saluti d'incerto domani,
      porte e cancelli alle spalle.

      Corpi bianchi,
      dritti negli specchi
      si riflettono su noi.

      Appago il desiderio,
      costruisco dolore,
      abbracciato a me,
      cerco immagini.

      Si affollano figure,
      mio specchio, anima, parla;
      io, qui, e tu?

      Nello specchio, poi, fantasma;
      io fantasma...
      Senza saluti,
      né cancelli, né spalle girate.

      E tu?
      Sir Jo (Sergio Formiggini)
      Composta mercoledì 12 settembre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di