Poesie di Simone Sabbatini

Research Fellow, nato martedì 11 agosto 1981 a Sinalunga (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Simone Sabbatini

Sai dire il mio nome?

Credevo ci fosse almeno un po' di sole
- sembrava quasi a volte vederlo apparire
dove la nebbia si arrende, diradandosi un po' -.
E invece di colpo ho sentito un tuo no,
e non una luce a darmene avviso.
Da allora mi sembra la nebbia la sola costante
quando non piove, né grandina o nevica,
non sempre tuonando. Ma spesso sto fuori e nemmeno mi bagno,
più spesso ho paura e mi barrico dentro.
Simone Sabbatini
Composta mercoledì 21 settembre 2005
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Simone Sabbatini

    Freddo

    Non chiamare la neve:
    la risposta
    pallido silenzio che ti avvolge
    e
    non sentiresti
    che i tuoi dubbi
    le crisi
    le mute grida sotto un sole che non scalda
    la salda morsa che ti serra alla vita la vita
    ma non ti uccide,
    le risa dei fantasmi mascherati
    attimi tremendi rubati alla tua mente
    chiasso assordante.
    Non chiamarla. Semplicemente aspettala
    e poi amala, bramala,
    sentitela scendere dentro la schiena
    come un brivido vivo
    come un attimo eterno,
    un viaggio intestino via dall'inferno.
    Ma non chiamarla
    o
    sentiresti soltanto
    freddo.
    Simone Sabbatini
    Composta giovedì 19 novembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Simone Sabbatini

      Correzioni

      Si aggiunge un'altra croce a questo nuovo cimitero:
      non c'è d'aver paura, la mia morte
      è vita nuova, aria pulita e buona
      brezza sottile dall'odore libero
      che spazza via discreta e quasi sempre inavvertita
      nubicelle,
      piccole fatiche.
      Scansa la foglia dal vestito,
      la sabbia dalle nocche che s'asciuga
      come una lacrima lontana,
      la rabbia scema dalle bocche.
      Ti svegli presto e non ricordi più
      chi aveva pianto.

      Non l'ho ancora costruito, c'è bisogno d'un ossario.
      Simone Sabbatini
      Composta domenica 6 settembre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di