Poesie di Simone Sabbatini

Research Fellow, nato martedì 11 agosto 1981 a Sinalunga (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Simone Sabbatini

La strega

Certo sanno tutti la storia
in mille versioni trita e ritrita...
Come se non fossi mai partita,
come fosse stata tutta una vittoria.
Le rughe negli occhi
ai tuoi occhi non mentano:
la voce, lo stampo, non contano oggi.
Ho ancora dolore ai ginocchi.
Sono stata una bimba tra tante,
da tutte diversa, cresciuta con altre più belle,
più ricche, più scaltre
- e forse fu questo importante.
Un'infanzia a mia insaputa,
né triste né lieta,
chi sprezza, chi vieta,
tra i topi e gli stracci goduta;
vissuta, diciamo, in famiglia.
Volata via mesta
fino a quel giorno di festa:
un battito di ciglia,
ed ero di nuovo a pulire per terra.
Cresceva però intorno a me l'inquietudine:
sempre sguattera, più in solitudine
scomodo ostaggio di una chiara guerra.
Dentro cullavo primizie di sogni,
e si avvicinava la vera magia
- unico scampo alla mia prigionia:
viverli.
Ma ho chiesto perdono per ogni preghiera
- c'è un magico ben più nascosto
e perverso nelle fiabe.
Momenti a cavallo.
La formula "felici e contenti",
e nessuno più cerca quel posto
e non uno che sfoglia più il libro.
Eroi dimenticati... l'invidia, forse,
li chiude in un cassetto.
Le corse nei prati,
galleggiando sopra il cribro della gioia;
l'amore nelle stanze del castello,
le feste, le danze, la luce di cristallo
- un alito fugace... La mia vita di metallo
calamitata sempre sul medesimo livello.
Una mattina d'estate,
mai mi scorderò la luce nei suoi occhi,
la voce diversa, il tono uguale
al colore delle cose del passato.
Tutto il male che ritorna,
d'onirica oppressione già riluce.
"Perché, fata? Perché m'hai fatto questo?
M'apristi le tue mani ma il sogno visse poco...
Si è trasformato? Era di carta, o solo un gioco?
Perché le magie buone svaniscon sempre presto?"
"Davvero, principessa, non ricordi più il mio nome?"
Mi rispose, un po' gradassa. "Smemorina...
T'ho aiutata, ti ho guidata, io son la tua fatina...
Perché prendermi in giro? Che t'ho fatto, e come?"
A nulla valse dirle che non ero stata io:
l'oblio, dove da sempre coltivava la vendetta
era l'unico padrone cui dar retta.
Senz'altra spiegazione, ridendo disse addio.
Il destino. Certo, il destino...
Nelle fiabe non si può dimenticare,
e in genere l'eroe non si deve o può voltare.
Mi guardo adesso indietro, non son più tanto vicino.
Da piccola al futuro non ci pensavo mai;
un giorno poi ho creduto fosse giunto all'improvviso...
- non so se m'abbia amato, di certo m'ha deriso:
domani era già prima, per me soltanto guai.
Più per questo l'ho lasciato, ho detto: ho perso;
più che per piatti,
porcellane e lampadari da pulire,
per gli abiti le spade i santuari.
Per il destino buio come l'Universo,
perché la fine non mi riportasse indietro,
o, se doveva, in altro modo.
Prega per me, se ti pare:
per vivere faccio la strega
in altre storie, mi nascondo sotto un vetro,
dietro facce di miseria e di paura
scruto l'occhio di chi guarda.
Se mi serva non lo so.
So che son viva, e non più serva:
dove vive la bellezza,
sono ed amo la bruttura.
Simone Sabbatini
Composta venerdì 2 novembre 2007
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Simone Sabbatini

    Equilibrio

    Sarà che la memoria in un soldato
    non è certo la virtù più trasparente;
    ma dell'addestramento e del passato
    a questo punto io mi ricordo poco o niente.
    I miei compagni, i miei fratelli, noi prescelti
    gli stessi gesti, i passi e il solito destino
    d'una missione da giocare ad occhi svelti
    tra i sogni, i giochi, le dita di un bambino.

    Il nostro piccolo cielo s'aprì d'impazienza
    e fu subito giorno, i colori, la stanza
    odor di battaglia, candida violenza
    capire i comandi, il nemico che avanza
    Marciamo! – Svanì tutto quanto, mi accorsi
    d'avere, io solo, una gamba soltanto.
    Sparire: nient'altro soccorso che scorsi
    trascinando la fuga, feroce, nel pianto.

    Per un attimo inciampò anche la ragione
    e credetti d'esser preda della febbre;
    ed invece quella splendida visione
    non era il frutto delle mie meningi ebbre.
    La ballerina stava con le braccia in alto,
    il sorriso di carta, fuori dal castello;
    la vera guerra cominciò con quell'assalto:
    ed ero pronto ad affrontar ogni duello.
    Tutta la notte restai fermo a contemplarla
    mentre d'intorno chi dormiva e chi viveva;
    neppure lei si mosse mai, e a ben guardarla
    su un piede solo come me si sosteneva.
    Nobile stirpe, lustrini sul vestito
    nullatenenza, rozzo cameratismo:
    due mondi a parte, rifiuto garantito.
    E poi la timidezza, il solo virtuosismo.

    Una voce all'improvviso, a notte fonda.
    Un troll brutto e peloso, diceva rauco:
    stai attento all'indomani! E l'altra sponda
    del tavolo raggiunse, il volto glauco
    e poi sparì. Lo so cosa pensate:
    la notte insonne, l'emozione, la stanchezza...
    solo per questo ho visto mostri e fate.
    Ma lei era lì, in leggiadria e bellezza.

    Si fece giorno, s'aprì quella finestra
    fui messo al sole per caso, gioco o sbaglio
    fu il vento o cosa? Finii sulla ginestra
    sotto il balcone. E non fu certo un abbaglio.
    Non sapevo ancora quel che mi attendeva,
    nemmeno m'importava: avevo ormai perduto
    la mia dolce ballerina. Già pioveva
    sul bagnato del mio triste pianto muto.
    Di lì a poco mi trovaron due bambini:
    sognavo un castello, finii dentro un fosso
    su una barca di carta, e tra ratti assassini
    nelle fogne sconquassato a più non posso.
    Mentre l'acqua minacciava il mio respiro
    già la barca sprofondava e si rompeva;
    credendo prossimo l'ultimo sospiro
    pensai alla bella mia, a cosa faceva.
    Per un attimo mi apparve la figura
    del troll che la rapiva e poi sposava,
    costringendola a una vita da paura
    sicuramente trattandola da schiava.
    Sentii una forza grande, un fuoco ardente
    che non m'ero proprio accorto dell'uscita
    dalla fogna alla campagna più ridente:
    ma volevo ritornare alla mia vita
    alla casa, alla ragazza del castello,
    pure al troll, per rovinargli il bel trionfo
    dimostrando come un poco di cervello
    ti riscatti da qualunque brutto tonfo.
    Come fare? Ero disperso non so dove,
    la mia nave era disfatta e andavo a fondo
    proprio in cima a una cascata. Non si smuove
    chi ricerca la sua forza nel profondo.
    Fu un bel volo, ma ero intero e mentre ancora
    inventavo soluzioni e non ne avevo,
    fui scambiato per un verme che ristora
    da un enorme pesce gatto. Non sapevo
    – come prima – cosa fare. Ma il coraggio,
    il sangue freddo: ecco dove ho più valore!
    La fortuna ha fatto il resto. Ero ostaggio
    e dal ventre della bestia un pescatore
    mi salvò, quasi come nel bosco famoso
    la ragazza incappucciata con l'anziana.
    Ma non venni fuori subito: a riposo
    restai su un banco, un ventre morto come tana.

    Ci comprò una cameriera, e fui contento
    di trovarmi nella villa di partenza:
    strana avventura, fine di un tormento.
    Tornai ai miei compagni, e con pazienza
    avrei potuto conquistare anche il suo cuore.

    L'errore è stato questo? Sentirsi salvo?
    Non so dirlo. Nel giardino dell'amore
    non importa essere storpio, o calvo,
    né capire che la ballerina zoppa
    ha invece un piede in alto e sta danzando.
    Avrei ballato anch'io, e dalla coppa
    dei suoi seni attinto al miele. Un suo comando
    sarebbe diventato ogni capriccio,
    e nessun troll, nessun rivale tra di noi.
    Il suo sorriso a me, nessun bisticcio
    della mente, vero amore. E dico a voi
    che già ridete della mia vana illusione
    e non capite invece. Fa così caldo,
    sudo lacrime di piombo e d'emozione.
    Dentro il fuoco dell'amore non son saldo,
    già mi sciolgo. Tanto è forte questo ardore
    che mi sembra tutto intorno, queste braci
    questi scoppi, e quanto fumo... dal furore
    sono preso, mai la sazierò di baci:
    il bambino del soldato s'è scordato
    – m'ha gettato nella bocca del camino.
    Il mio sogno è un bel ricordo arroventato.

    Addio piccolo mondo, addio nemico mio
    hai vinto, con la tua forza malvagia.
    Addio mia innamorata, che triste, brutto addio
    ti guardo e tu mi vedi, la testa già si adagia...

    Più oltre non riesce, non può andare
    a dir della domestica che arriva,
    e chissà come vorrebbe raccontare
    la porta che s'apre, la folata aggressiva
    – lasciva? cattiva? Così poco privata –
    che priva al castello la stella sua più bella,
    spingendola via sorpresa e inaspettata
    al focolare. Una fiammata gemella
    dissolve all'unisono i due innamorati
    confusi per sempre in un cinereo abbraccio.
    In barba a tutti i troll di amori disperati
    l'amore nella morte ha unito con un laccio
    il militare e l'amata signorina.

    Ignaro di tutto qualcuno nel camino
    troverà per ripulire domattina
    un cuore di piombo e un piccolo lustrino.
    Simone Sabbatini
    Composta lunedì 26 aprile 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Simone Sabbatini

      Siesta

      Nei deserti di pietra del mio rosso rosso cuore
      c'è un gioco mediocre di rime banali,
      un campo di vetri che cresce un bel fiore
      dai petali d'oro e un ricordo di ali
      un giorno spiegate a portare l'amore,
      o almeno a cercarlo, spietate e immortali
      di gioia, di pace, poesia e di dolore.
      Eclissi di sole, fiori e temporali
      lampano bassi sul lago del fervore.

      Verrà il giorno di capirla tutta questa bellezza.
      Simone Sabbatini
      Composta venerdì 25 giugno 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Simone Sabbatini

        Più in là

        Nei deserti di pietra del mio rosso rosso cuore
        dentro un sogno insanguinato c'è un amore che piange
        l'abbandono. Con la colpa per tutore tutto stagna
        nella notte del rumore: volontà, passione, pensiero...
        Errore, anche. Tutto è chiuso sotto il velo del rimorso
        che confonde il desiderio, tutto sommerso.

        C'è un popolo di carta che si fuma la speranza
        nell'attesa dell'Eroe Frantume, che già s'è perso
        tra l'oblio e l'insicurezza, unico velo,
        forse, che squarciare non sa. Arriverà?
        C'è bisogno davvero di lui, per sentire
        le lacrime? Per ascoltare le sue disobbedienze,
        quel capriccio di saggezza e umanità.

        C'è un ciuccio strappato tra la polvere ed il sole
        dove dormono i varani. Dove il vento
        sferza la vita e fa bruciare le ferite.
        Ma il male non è il sangue, il male sta più in là.
        Simone Sabbatini
        Composta giovedì 22 giugno 2006
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Simone Sabbatini

          Quando il vento sposta gli aghi e le stelle

          Nei deserti di pietra del mio rosso rosso cuore,
          il cielo appena grigio all'orizzonte più lontano,
          mi son svegliato e c'era gente. Tanta gente
          conosciuta ma divisa, quasi simiglianza
          in blocco ripescata, ma di vista, tra i ricordi.
          Indifferente come il gatto al topo morto
          mi teneva sotto tiro. Indifferente mi sono mascherato
          per fuggire. E c'era un traffico notevole
          - nelle ore di gelo si rincorrono luci e lampeggianti,
          ventate e rumori, rossi e verdi a non finire
          come un fiume che va al mare, o che vorrebbe,
          imprecando per il caldo e questa gente che si muove
          sempre troppo o troppo poco; e che temevo
          mi potesse ritrovare. Poi imprecando se si muore.
          Ma sapevo (credo) che la coda distratta
          è sempre vigile, e tutto è stato calcolato. Strade nuove,
          vie sbagliate, ma imboccate contromano
          - sono io con un cucchiaio dentro il culo?
          Mi son perso, come sempre: so che questo
          brullo colle per ognuno è il Monte del Mai,
          mentre scendo e la pianura s'avvicina, ch'è chiamata
          Mare del Sempre – salato e asciutto. Tutto il resto resta ignoto.
          Lacrime che cadono sulla stessa pietra
          davanti a quel palazzo che non voglio più vedere,
          e sono mio malgrado sempre lì. Forza è ora di tornare:
          ecco lo sterro non tracciato, sulla carta non si vede,
          ma conosco ogni pietruzza del sentiero del mio cuore.
          Il cielo è già rovente sul mio prossimo orizzonte, la gente
          mi prende a braccia aperte, sincera ed affettuosa,
          ed io non so se son cambiati, se son io che sono sveglio,
          ma sento crescere qualcosa di più forte che il percorso,
          che la vita e che la morte: ad uno ad uno già li amo.
          Simone Sabbatini
          Composta venerdì 25 giugno 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di