Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: scrivo

Mi manca

Manchi si cazzo manchi,
Finalmente te lo scrivo.
Mi manca la tua buffa voce,
Le tue sfumature le tue litigate coi tuoi
le fusa del tuo gatto che non sono mai riuscita a

sentire tramite quel maledetto cellulare che ci

divideva,
Mi manca maledire i kilometri,
mi mancano i sogni
i tuoi conforti le tue sagge parole.
Mi mancano i tuoi messaggi improvvisi,
Il tuo nasconderti dietro a dei allontanamenti

incomprensibili.
Mi manca tutto.
Mi mancano le lucciole, mi manca il tuo nome in

rubrica,
mi mancano le nostre chiacchierate i nostri litigi le

canzoni che non conoscevo,
mi manca ogni maledetta cosa di te.
Mi mancano le tue mani che ho sempre desiderato

toccare, mi manca il non dormire il pomeriggio per

sentirti.
Mi manca la libertà di chiamarti,
mi manco io si io com'ero con te,
Credevo nei miei sogni mi sentivo finalmente

perfetta, e se non seguivo i consigli degli altri mi

sentivo maledettamente ribelle.
Mi manca ogni cosa di quello che eravamo, ogni

dettaglio ogni sera la luna era diversa e si vestiva

di bellezza e noi che la contemplavamo al telefono.
Mi manca l'ansia la paura nel ritrovarti diverso nei

messaggi, mi manca ascoltare la musica e sentirti

perfetto nelle parole di quei poeti.
Mi manchi.
Composta lunedì 5 agosto 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: scrivo

    Gli occhi

    In realtà,
    ricordo il primo giorno,
    i miei occhi si sono sempre chiesti cosa volessero i tuoi...
    in quel momento in cui si incontravano,
    ogni giorno scrutavo e li trovavo lì immobili su di me
    pochi attimi intensi.
    Ricordo preciso,
    i miei ricaddero sui tuoi
    occhi scuri, belli
    una luce mi scosse,
    mi voltai,
    ritornai
    e ti riguardai,
    così l'esplosione della musica fermò i corpi
    le luci si spensero,
    e i nostri cuori producevano suoni paradisiaci
    le nostre labbra tremavano di parole,
    i nostri corpi vibravano...
    scoppiò il caos nel anima,
    uscì in pista e si unì alla tua...
    un lampo, uno squillo, spense questo film
    mi ritrovai seduta a guardarti.
    Vota la poesia: Commenta