Poesie di Silvio Squillante

Studente universitario, nato venerdì 8 giugno 1990 a Nocera Inferiore (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvio Squillante

- 21/08 –

Sul tuo petto,
odo l'ardere di un vita
che vien vissuta
sul delizioso andirivieni
di un mare di passione.
L'amore è una condizione transitoria
della follia,
ma noi siam sinceri quando
ci promettiamo una lacrima di gioia,
quando giuriamo che il sole
albeggierà di notte solo per noi.
Il tuo cuore vaga nella mia anima
volendo appagare la sua fame d'amore,
mentre si realizza il mio desiderio:
non volerò più da solo.
Silvio Squillante
Composta lunedì 30 agosto 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvio Squillante

    Se fossi qui...

    Se fossi qui,
    cosa farei lo sai solo tu.
    Potresti immaginarlo sai,
    se sfogli un nostro incontro.
    ti chiederei di smetter di respirare aria
    e di respirare amore...
    saremmo lì ad un passo da un sogno
    sull'incontrarsi di confini e di onde.
    La tua bocca sulla mia,
    un sole che brucia in un tramonto,
    le mie mani nelle tue,
    un fiume che sfocia in un mare,
    apro le mie braccia,
    una pietra scagliata lontano,
    il tuo cuore che si spalanca,
    un cielo d'agosto chiuso in una stanza.
    Dita sulle labbra,
    mentre il tuo sapore sà di mare...
    ti amo come non sapevo neanche di saper amare.
    Silvio Squillante
    Composta mercoledì 18 agosto 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvio Squillante
      Il bambino barbuto rincorre
      nella notte tutti i nostri fantasmi,
      tenta di scacciarli con i suoi gemiti.
      Sparge limatura di sorrisi
      e strappa il muso
      quando esso è reclino verso sud.
      Non intende questioni di potere,
      non segue rapito e critico
      il telegiornale,
      a lui basta prestare fede nel domani
      e dormire beato stringendo il suo peluche.
      Silvio Squillante
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvio Squillante

        Rigore

        Soffro, sudo, maledico le mie gambe,
        ho lo sguardo velato
        di chi sogna da una vita
        questo istante...
        cerco tutta la forza, quella
        nata nel rosso del cemento,
        quella di una tesa mano polverosa.
        Una magnifica luce
        rischiara i miei sensi...
        gli occhi sono fatti per mentire,
        ma non questa volta.
        Non ci posso ancora credere.
        Silvio Squillante
        Composta giovedì 29 luglio 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvio Squillante

          Dolce, stupida poesia

          Socchiudendo gli occhi,
          alterno alla mia lucida follia
          attimi interminabili di sogni dirompenti...
          spiacevolmente sorpreso da essi...
          racconto ancora delle tua luce,
          mia dolce poesia,
          folgoranto in verde anima
          e chiuso per sempre nei meandri
          di un cuore ubriaco di fanciullo.
          Silvio Squillante
          Composta giovedì 29 luglio 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di