Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Silvio Squillante

Studente universitario, nato venerdì 8 giugno 1990 a Nocera Inferiore (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvio Squillante

Pioggia fredda d'estate...

Pioggia fredda d'estate,
lento gocciolare
di uno splendido dolore passato...
c'è una giovinetta nel suo letto,
bagnata dalla noia dell'inverno
si richiude in se stessa.
Ricorda bene l'isegnamento materno
datole in primavera, a cui pensava di credere,
ma che la prima mareggiata di passione
portò via in un effimero amore
fatto di spuma e di bugie.
Composta giovedì 30 settembre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvio Squillante

    Libero ondeggiar...

    Libero ondeggiar di mani
    alla luce del primo mattino,
    un'antica storia
    su di un ragno
    che intreccia famelico la sua trappola.
    Rugiada splendente pende
    dai filamenti della ragnatela.
    Mi si palesa una
    contorta metafora del vivere...
    le anime delicate
    e i sogni son come insetti,
    si invischiano in essa
    e muoiono
    quando volano troppo alti.
    Composta venerdì 17 settembre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvio Squillante

      Al funerale degli angeli bianchi...

      Al funerale degli angeli bianchi
      sono sempre in tante
      le facce mestamente segnate,
      lacrime di vetro assiepano la chiesa.
      Uomini e donne
      si stringono alla vista del sangue,
      è solo un trucco a buon mercato della vita.
      Vestiti a festa per l'ultimo addio,
      li puoi veder ridere
      in fotografie ormai troppo vecchie
      per trattener la luce del vivere.
      Composta venerdì 10 settembre 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvio Squillante

        Credo...

        Credo che la vita sia
        una condizione transitoria,
        non è fatta di soli pianti,
        non è fatta solo di risa.
        Credo che la vita non vada capita,
        ma vada vissuta.
        Credo nel mio destino,
        un libro già scritto
        dove spesso ho calcato
        una calligrafia non mia.
        Credo ad una nuova anima
        ogni qual volta apro gli occhi sul sole.
        Credo d'aver un taglio profondo,
        qui dentro l'anima,
        che si rimargina solo col sudore,
        con l'amore e con gli errori.
        Credo nelle emozioni,
        quelle che sotto la pioggia
        mi danno riapro.
        Composta lunedì 30 agosto 2010
        Vota la poesia: Commenta