Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Silvio Squillante

Studente universitario, nato venerdì 8 giugno 1990 a Nocera Inferiore (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvio Squillante

Benvenuto

Benvenuto nel mondo dove il rifiuto è la prima dedica,
benvenuto nel mondo dove se tu sbagli c'è sempre chi predica,
pronto a metterti sulla forca
ma tiri la corda solo chi non ha la coscienza sporca.
Mi spaventa il mare, il mio futuro ma non la mia morte
e so che se vuoi farcela devi essere davvero forte,
cadrai e ti rialzerai spesso da solo
e capirai che sono solo i traguardi a fare l'uomo
ti farai sempre meno male
botta dopo botta
mentre io di delusioni ho fatto già una bella scorta.
Composta domenica 3 agosto 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvio Squillante

    #2

    E se vuoi ringraziamo la sorte
    ma le difficoltà lo sai si superano insieme
    solo se sei forte
    tenerti tra le braccia per me è tachicardia,
    ma vivere al limite è una scelta mia
    anche se mi hai visto buttarmi giù spesso
    per questa vita arpia
    ma se mi baci il male va via
    il mio sorriso si riavvia.
    Stretti nelle mani mi ripeti "In noi ci credi?"
    se guardi i miei occhi a parte l'amore cosa vedi?
    Questa non è una poesia è la mia verità
    racconto agli altri della tua dolcezza, della sensibilità.
    La notte passa ma io resto innamorato di te,
    e mi chiedi ancora il perché.
    Composta domenica 3 agosto 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvio Squillante

      Il sole è sempre solo

      Lasciami libero come
      un cane che corre all'imbrunire,
      io e te lo sapevamo
      siamo nati per fallire,
      tu sei andata via quasi soddisfatta,
      ma da sola piangerai, lo so come sei fatta.
      Il tuo sorriso come stelle,
      dei miei sensi l'unica guida,
      ho tradito i nostri sogni e adesso mi chiami Giuda,
      insieme crescevamo, mi chiedevi di trovarti,
      cio che non sai è che faccio fatica persino ad incontrarmi.
      Ridevamo insieme,
      mentre adesso è finita,
      siamo persi in una pausa che chiameremo vita,
      ma stasera ti prego,
      fingiamo che sia amore,
      lo sai che sulle labbra ancora il tuo sapore?
      Dalle finestre è grigio piombo, sarà che fuori piove,
      tu non sei più mia e qui non torna il sole.
      Composta martedì 29 luglio 2014
      Vota la poesia: Commenta