Le migliori poesie di Silvio Squillante

Studente universitario, nato venerdì 8 giugno 1990 a Nocera Inferiore (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvio Squillante

Baciami

La tua pelle si tinge
dei colori del tramonto
se le mie dita
troano posto sulle tue guance,
scivoli piano nei miei pensieri,
seguo con la punta delle dita
il profilo leggero delle labbra.
Gli angoli della bocca si tendono
e smetti di celarmi
le ombre che disegnano
i nostri sguardi presi,
nascondi in fondo agli occhi
e nelle pieghe del tuo volto
il verbo desiderare,
tremi per l'attesa,
labbra su labbra,
inizi di nuovo a sorridere e tremare.
Silvio Squillante
Composta lunedì 29 ottobre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvio Squillante
    Il sogno, instabile e vibrante
    arma la mano del poeta
    nel erigere vividi versi
    alti ed imperscrutabili.
    Il sogno stringe forte
    la mano dell'artista
    nel travaglio della sua opera.
    Il sogno soccorre l'umile
    quando questi è in difficoltà,
    quando la realtà sembra un muro invalicabile.
    La felicità si tiene a ragionevol distanza
    da chi ha smarrito
    il senso più profondo dell'essere:
    "credere nei sogni".
    Silvio Squillante
    Composta giovedì 20 gennaio 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvio Squillante
      Il bambino barbuto rincorre
      nella notte tutti i nostri fantasmi,
      tenta di scacciarli con i suoi gemiti.
      Sparge limatura di sorrisi
      e strappa il muso
      quando esso è reclino verso sud.
      Non intende questioni di potere,
      non segue rapito e critico
      il telegiornale,
      a lui basta prestare fede nel domani
      e dormire beato stringendo il suo peluche.
      Silvio Squillante
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvio Squillante

        Dolce, stupida poesia

        Socchiudendo gli occhi,
        alterno alla mia lucida follia
        attimi interminabili di sogni dirompenti...
        spiacevolmente sorpreso da essi...
        racconto ancora delle tua luce,
        mia dolce poesia,
        folgoranto in verde anima
        e chiuso per sempre nei meandri
        di un cuore ubriaco di fanciullo.
        Silvio Squillante
        Composta giovedì 29 luglio 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvio Squillante

          Paranoia e Paradiso

          Paranoia e paradiso
          chiuse in un tuo disegno,
          se sono qui da solo a fumare
          non è perché di te la compagnia disdegno,
          ma se mi stendo,
          non farò in tempo a rialzarmi
          per evitare di metterti di nuovo in un sogno.
          Qui senza difese,
          riesco a malapena a pensare
          a cosa mi fa più male
          dimenticarmi di me
          o incominciare a parlare.
          Ho ferito troppo persone
          ma sono di piu quelle che mi dicevano "di amare"
          ma son finite tutte
          in quel vizio che chiamano "dimenticare".
          Silvio Squillante
          Composta venerdì 8 novembre 2013
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di