Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Silvana Stremiz

Nato martedì 12 luglio 1960 a Port Arthur (Canada)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvana Stremiz

Rimpiango

Rimpiango...
le cose che avrei potuto dire.
Ma che non ho detto.

I sogni che potevano avverarsi,
che non si sono avverati.

Le persone che avrei dovuto apprezzare
che non ho apprezzato.

Di non aver osato
Quando avrei potuto osare

Di non aver amato
Quando avrei potuto amare

Di aver lasciato sfuggire un'occasione
per timore di un'emozione.

Di non avere teso una mano
Quando avrei potuto tenderla.

Di non aver sorriso,
quando avrei potuto sorridere.

Di non aver letto un libro
Che avrei potuto leggere.

Di non essermi fermata a guardare,
quando avrei dovuto farlo.

Rimpiango le emozioni non vissute,
che avrei potuto vivere.

Quello che non ho ottenuto
perché non ho combattuto.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Morte

    Sento il tuo gelo addosso,
    il tuo arrivo che da tempo attendo,
    da cui scappo inutilmente,
    che non voglio, ma per te non conta.

    Non ti temo, ma non ti voglio,
    non ti sopporto anzi ti odio.
    Ti odio per come penetri,
    in una vita che non ti appartiene.

    Ti odio per le volte,
    che porti via un bimbo,
    nel suo fiorire della vita,
    per quelli che non vedranno domani.

    Ti odio per le cose incompiute,
    perché non ne permetti il compimento.
    Ti odio per quei genitori disperati,
    e quei figli senza, angosciati.

    Ti odio per quella disperazione,
    che lasci ogni volta che passi.
    Per l'angoscia che crei,
    e quei sogni infranti.

    Ti odio per il dolore che semini,
    per la tua gelida presenza.
    Ti odio perché tu vuoi me,
    e io non voglio te.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      L'arrivo della morte

      L'arrivo della morte
      Sei sempre li in agguato,
      sembra che non aspetti altro che prenderci,
      con la tua aria gelida e crudele.
      Per molti la tua attesa e lenta e inesorabile
      per altri il tuo arrivo improvviso e crudele.
      Non sei mai realmente gradito,
      e mai di compagnia piacevole.
      Comunque al tuo arrivo seminerai,
      lacrime e disperazione,
      Anche laddove regalerai un oasi di pace,
      qualcuno piangerà.
      Vota la poesia: Commenta