Poesie di Silvana Stremiz

Nato martedì 12 luglio 1960 a Port Arthur (Canada)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvana Stremiz
I would have liked to take your hands
to give you some more time
to keep you hear and not let you go.

I would have liked to be your mind
to give you joyful thoughts
and make you smile again.

I would have liked to be your heart
to make it fly again
scanning beats of love.

I would have liked to be your eyes
to teach you to look
so you can see the "still" much to see.

I would have liked to be your soul
to make you feel the life
and dispossess death.

But i could not...
because your soul was
already death.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Rita

    Rita

    i cannot associate the word love
    Without associate it to you.
    Every memory brings me to you.

    You taught me to love.
    The right and the wrong things
    i have learned them from you.
    Love and respect were
    your lessons of life.

    Gratitude and compassion
    have no boundaries, i remember this.

    I cannot say the word Mummy
    without saying it also to you.
    Silvana Stremiz
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz
      Piango ancora
      per le solite cose
      quelle emozioni
      che appartengono
      all'infanzia
      all'adolescenza.

      Piango ancora
      col cuore
      con l'anima
      per ogni brivido
      per ogni battito
      che la vita mi regala.

      Piango ancora alla mia età
      con l'entusiasmo
      di una bambina
      incantata dalla vita
      dai suoi perché
      dai suoi misteri.

      Per quel tempo che scorre.
      Che da e che toglie.
      Silvana Stremiz
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Non ti fermare...

        Mentre dolcemente le disegni le spalle,
        scendi sui seni e continui mentre si tende.

        La guardi, ti guarda
        e accecata dal brivido
        quasi non ti vede.
        I suoi occhi ti guardano
        dietro la cortina
        delle ciglia semichiuse,
        ti fermi un attimo e le tue labbra
        si posano appena sulle sue,
        che si aprono inconsapevolmente
        lasciandoti dolcemente il modo di entrare.

        Le tue mani la ripercorrono,
        scendono sui fianchi e lentamente
        sempre più lentamente
        scoprono le sue curve
        posandosi teneramente.

        La schiena si inarca,
        una rosa si posa fra i suoi seni.

        Baci la fanno tremare
        mentre dalle sue labbra
        esce quasi come invocazione:
        non ti fermare...
        Silvana Stremiz
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz

          To My Father

          I remember your eyes almost shut.
          Your barely smile...
          The words that i wanted to tell you,
          that i never said.
          Your strength, the stifled pain,
          your unhappiness behind a smiling mask,
          i remember your loyalty.
          Your love not always understood.
          Your life lessons,
          sometimes exaggerated,
          Your reproofs.
          I remember the pride in your eyes
          when you talked about us,
          Your happiness in seeing us.
          I remember the values
          that you have passed on,
          Your desire to play and live,
          and maybe even to die.
          Silvana Stremiz
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di