Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Silvana Stremiz

Nato martedì 12 luglio 1960 a Port Arthur (Canada)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvana Stremiz

Nonno

Sulla panchina fuori casa
seduto a caccia di ricordi,
riflessi in quegli occhi
ormai senza luce, cerchi...

Cerchi nella mente il visto.
Dipingi il presente con i colori
di un antico vissuto e vedere.

Sfiori con il tocco quei ricordi.
Con il tuo bastone ti fai strada
fra il sentiero reale,
con gli occhi fra quei ricordi.

Cerchi ogni altrove
nel libro del vissuto,
nel bagaglio del passato
ciò che non hai più.

Cammini con le gambe,
tocchi con le mani,
vedi con la mente,
ma negli occhi...
il vuoto del non vedere.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Non credermi se...

    Non credermi
    se ti dico vattene
    se escono dalla bocca parole "urlanti"
    piene di veleno
    come un fiume in piena
    senza ascoltare
    né il cuore né la ragione
    e pronte ad uccidere
    senza pietà.

    Non andartene
    se ferito parla l'orgoglio
    non andartene, resta
    perché, in realtà, ogni centimetro
    del mio cuore
    della mia anima
    della mia mente
    ti sta gridando resta.
    Composta nel settembre 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      1000 anni...

      Vorrei vivere 1000 anni
      per ricominciare,
      Per vedere i posti che non ho visto
      per l'avverarsi dei sogni
      che ho sognato.
      Per vedere la vita,
      vederla come sarà.
      Per arrivare più in là.
      Vorrei vivere 1000 anni
      con lucidità,
      con gli occhi di oggi
      lo spirito che ho.
      Per vedere i miei nipoti
      e altre intere generazioni
      Conoscere la storia
      che scriveranno i miei figli
      e tutti quelli seguiranno.
      Vorrei esserci ancora.
      Per pura curiosità.
      Vota la poesia: Commenta
        Tu hai fatto sorridere
        anche giorni che piangevano
        respirare momenti senza fiato
        addobbato di sorrisi lacrime
        fatto battere battiti "stanchi".

        Tu tiri fuori
        il meglio e il peggio di me
        mi fai toccare la luna
        brillare di stelle anche il buio.

        Tu non sai quello che sei
        non sai di essere la giusta dose
        che riempie il cuore
        il giusto vuoto
        che sente la tua di mancanza.

        Tu non sai o forse si
        di essere parte di me.
        Vota la poesia: Commenta