Le migliori poesie di Silvana Stremiz

Nato martedì 12 luglio 1960 a Port Arthur (Canada)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvana Stremiz

L'inferno in Terra (Auschwtiz)

Auschwitz un sterminio
di un milione e mezzo
di vite umane.

Anime uguali marchiati
come bestie con numero
seriale che li identificava.

Non come uomini
ma, come bestie da macello.
Pronti ad essere cremati
per diventare bottoni o saponette.

Bambini innocenti bruciati
insieme a donne e uomini
con la "colpa" essere "ebrei"
o per ogni loro diversità.

Mi chiedo quale mostro
può arrivare a tanto
quale è era la loro diversità.

Mi chiedo quale fosse la loro
colpa, e se il colore del sangue
e la loro anima avessero
un peso così diverso.

Così diverso da togliere
a loro la dignità umana
la possibilità di una vita normale.

Mi chiedo quale razza di bestia
possa essere: "L'essere umano".
Silvana Stremiz
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Amerai La Vita

    Il gelo del inverno,
    si confonde col freddo
    del tuo cuore.

    Il dolore lo avvolge
    lame sottili lo trafiggono.
    Sanguina di disperazione.

    Grida d'aiuto non sentite.
    Sogni fatti a pezzi dalla vita;
    la notte sembra fatta per morire.

    15 anni con davanti un'intera vita
    eppure già i ricordi ti uccidono;
    la disperazione invade la mente.

    Il niente appare meglio
    del presente.

    Il dolore trova pace nel sonno,
    quel domani è già peso troppo grande.

    Un gesto folle, è lui la disperazione;
    ma la vita ti vuole, con forza ti stringe a sé.

    Nascerà quel giorno che ti abbraccerà,
    che ti scalderà il cuore e ti regalerà un sogno.

    Amerai la vita più di quanto,
    la vita abbia mai amato te.
    Silvana Stremiz
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Si dissolvono i ricordi

      Si dissolvono i ricordi nel tempo,
      quel tempo che, consumando
      forze e sentimento,
      scandisce le tue ore.

      Scavando solchi,
      Rubando sogni,
      regalando giorni
      che rubano giorni.

      Regalando lacrime
      che fanno sorridere
      e sorrisi che nascondono lacrime,
      ti dà togliendo

      Ingannevole ti sorride
      giocando col chiaro e scuro,
      del dare e avere
      si prenderà l'unica cosa
      che conta davvero:
      La tua Vita.
      Silvana Stremiz
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Morte

        Sento il tuo gelo addosso,
        il tuo arrivo che da tempo attendo,
        da cui scappo inutilmente,
        che non voglio, ma per te non conta.

        Non ti temo, ma non ti voglio,
        non ti sopporto anzi ti odio.
        Ti odio per come penetri,
        in una vita che non ti appartiene.

        Ti odio per le volte,
        che porti via un bimbo,
        nel suo fiorire della vita,
        per quelli che non vedranno domani.

        Ti odio per le cose incompiute,
        perché non ne permetti il compimento.
        Ti odio per quei genitori disperati,
        e quei figli senza, angosciati.

        Ti odio per quella disperazione,
        che lasci ogni volta che passi.
        Per l'angoscia che crei,
        e quei sogni infranti.

        Ti odio per il dolore che semini,
        per la tua gelida presenza.
        Ti odio perché tu vuoi me,
        e io non voglio te.
        Silvana Stremiz
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di