Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Silvana Stremiz

Nato martedì 12 luglio 1960 a Port Arthur (Canada)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvana Stremiz

Concedi Signore

Nel mio vivere Signore
mille incertezze,
dubbi e affanni.

Nel mio vivere
un sentiero di rose
e un ramo di spine.

Nel mio vivere
il cercarti Signore
senza trovarti.

Nel mio vivere
la delusione del dolore,
la consolazione della gioia.

Nel mio vivere Signore
la voglia di te
e della pace nel mondo.

Concedi signore
Tu che puoi la pace.

Illumina di fede signore,
l'uomo angosciato
e tormentato.

Concedigli quella grazia
del tuo perdono.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Attendo Domani...

    Attendo domani
    volto pagina, conservo
    di te, di noi, ogni sfumatura,
    sorrisi e lacrime.

    L'ipotetico o reale di ogni respiro
    mi compone
    e respiro ancora noi,
    anche senza di te.

    Anche col freddo che arriva
    sento ancora "noi".
    Quello che poteva,
    quello che è stato
    tutto ancora abbraccio
    con forza e intensità.

    A te rinuncio, ti lascio volare
    ma non rinuncio al "noi"
    che vive dentro di me,
    che nutre oggi e dà vita al domani.

    Dentro di me l'immenso,
    quello che non puoi vedere c'è.
    Nutri i miei sogni, sazi la mia anima.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Se sei amico

      Se sei amico stringi a te chi ami, abbraccia le sue lacrime
      trasformale in un sorriso o semplicemente ascoltale.
      Vigila in silenzio sulle sue follie, aprigli gli occhi
      laddove non vede e non sente o non vuole capire.

      Non dispensare inutili consigli che vestono solo all'apparenza.
      L'apparenza è un abito che non regala la felicità.
      Non professare ciò che non sai credendo di sapere.
      Fai tutto col cuore di chi ama e di crede in lui fermamente.
      Se sei amico non voltargli le spalle né chiudigli mai la porta.
      Non fare a pezzi i suoi sogni, non impedirgli di sognare.

      Suggeriscigli la strada migliore senza presunzione di conoscerla
      ma quella che ti indica il cuore, aiutalo in silenzio o con rumore,
      lottando insieme se serve o solo abbracciandolo un po'.
      Non abbandonarlo nello sconforto e porta pazienza quando l'ira lo travolge.
      Quando l'ira, la delusione e la rabbia si dissolveranno, ti abbraccerà.

      Se sei amico restagli sempre accanto, senza opprimerlo né togliergli la libertà
      senza fare a pezzi le sue speranze ma regalandogli la capacità di credere ancora.
      Se sei amico amalo, non per come lo vorresti ma per come è.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Oltre al sogno

        Potrebbe essere un sogno
        senza ali per volare.

        Potrebbe essere
        che avrei voglia
        di farti di tutto
        di distruggerti dolcemente
        facendomi distruggere
        mentre godo dei silenzi
        amandoti fino a farmi male.

        Potrebbe essere
        che vorrei volare
        oltre al sogno
        a caduta libera
        e perdermi in te
        concederti tutto.

        Potrebbe essere
        che ti voglio
        che voglio TUTTO
        come non ho mai voluto prima.

        Potrebbe essere
        che a caduta libera
        "il vuoto" mi faccia paura.

        Potrebbe essere che sia già paurosamente Amore.
        Composta martedì 1 gennaio 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz
          Mi chiedo cosa hai provato
          quando la morte ha bussato
          Quando hai sentito vicino la tua fine.
          Quando il presente era già un ricordo.
          Quando ogni ricordo diventava presente.
          Quando il tramonto
          non aveva il sapore del domani.
          Quando le parole da dire erano troppe,
          e il tempo troppo poco.
          Quando avresti voluto dare
          o ricevere un abbraccio.
          Quando non hai la avuto ne forza
          ne coraggio di chiederlo e di farlo.
          Quando la vita ti ha preso i sensi,
          in attesa che la morte si prendesse. Il tuo corpo il resto.
          Quante cose in sospeso da dire
          e quante avresti dovuto e potuto sentire.
          Spero solo che tu abbia trovato la tua pace.
          Vota la poesia: Commenta