Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Silvana Stremiz

Nato martedì 12 luglio 1960 a Port Arthur (Canada)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvana Stremiz

Amore in Saldo

Non offro più amore
non gioco con le parole
non c'è posto
per i sentimenti.
Scaldiamo il freddo
di un momento
con la verità del sesso
senza inutile bugie di parole.

Le frasi eclatanti
le lascio ai sognatori
a quei poveri poeti
che investono il cuore
ci lasciano l'anima
raccolgono frammenti.
Un telefono usa e getta
per sparire più in fretta.

Una partita fredda
cruda e spietata
di pura passione
senza troppi impegni
né false promesse.
Fatta di sguardi
di champagne
di trasgressione.

Niente amore
troppo complicato.
Pelle contro pelle
il sangue che scorre
i respiri si confondono
storditi dai sensi
Il consumarsi di una notte
Ecco...
L'alba che sorge
il tempo è scaduto
Addio.
Composta domenica 4 dicembre 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Fragile Diamante

    Lacrime di sangue
    pace tormentata

    Inquieti ricordi
    trafiggono il cuore
    come lame sottili.

    Spengono le stelle
    nell'universo dell'innocenza

    Non più tramonti innocenti
    accompagneranno i tuoi passi

    Il passato riemerge
    come un'ombra, t'accompagna.

    Porta l'inverno
    nel cuore caldo

    Piangi bimba,
    per ogni violenza.

    Piangi per ogni vergogna.
    Piangi per ogni carezza.

    Le lacrime di vergogna
    troveranno pace nel tempo
    dei ricordi.

    Abbraccerai il passato
    con il suo dolore

    Fragile diamante
    diverrai di roccia.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Prima di Te

      Prima di te...
      ho amato intensamente
      amando sempre la metà.
      Ho guardato mille orizzonti
      senza vederne nessuno.
      Ho visto nascere mille albe
      senza assaporarne nessuna.

      Ho vissuto mille emozioni
      vivendole solo in parte.
      Prima di te la mia vita era piena
      ma era piena a metà.
      Dipingevo con colori sbiaditi
      e note malinconiche.
      Sorridevo senza sorridere
      vivevo senza vivere
      respiravo senza respirare.

      Ora vivo il pieno di ogni respiro
      di ogni tramonto, di ogni alba.
      Le stelle illuminano la notte più buia,
      mi fanno sentire viva
      anche quando il dolore
      sembra uccidere.

      Prima di te avevo tutto
      senza avere nulla,
      senza comprendere
      quello che stavo perdendo.

      Ora...
      ho solo un sogno
      frammenti di un "poteva"
      ma quel "poteva" mi riempie la vita
      dando un senso speciale
      ad ogni mio sospiro
      perché sospirando "vivo".
      Vota la poesia: Commenta