Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Silvana Stremiz

Nato martedì 12 luglio 1960 a Port Arthur (Canada)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Silvana Stremiz

Maledico

Maledico
il rumore assordante
della guerra,
il dolore lacerante
della morte.
Maledico
il grido disperato di una madre,
quel grido per un nome
che non c'e più.

Maledico il "forse" privo di certezze,
il farò che lascia tutto in sospeso.

Maledico le cose lasciate a metà,
i momenti che non mi saranno concessi.

Maledico la morte, benedico la vita;
i momenti vissuti,
le cose viste e che vedrò

Benedico i miei figli
e tutte le emozioni
che la vita generosamente
mi ha regalato.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Mi Manchi

    Mi manchi,
    mi manca,
    la tua voce.

    Mi manca,
    quella parte di te,
    che sognava,
    anche quando,
    eri senza sogni.

    Quel tuo stare bene,
    anche quando stavi male.
    Mi manca quel sorriso,
    che nascondeva le lacrime.

    Quelle lacrime nascoste,
    dietro quegli occhi chiusi.
    Quegli occhi blu,
    trasparenti limpidi infiniti
    come il cielo.

    Mi manchi...
    M manchi tu papà

    (Silvana)

    ...
    e mi manchi in quel mondo che ho immaginato con te

    che mi accoglie con le tue mani
    e che si ferma alla tua voce.
    ...
    hai lasciato ciottoli e fiori sulla mia strada

    per insegnarmi a rialzarmi quando si cade
    e farmi sorridere per darmi coraggio
    ...
    mi manca il tuo essere padre
    che nutre la forza di essere degno figlio.

    Tuo figlio

    (Francesco Andrea)
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      A Rita e Jean

      Molte notti le ho trascorse
      a cancellare ricordi
      per sopravvivere senza di voi.
      Ho cancellato parole imparate
      note di violino suonate
      canzoni ascoltate con troppo amore.

      Ho sentito la distanza
      dell'oceano dividerci
      ma senza mai dividerci davvero,
      uniti nel cuore e nell'anima
      da troppo amore ricevuto e dato.

      Ho versato lacrime aspettando di riabbracciarvi
      sognando con un sorriso quel momento.
      Per non morire lentamente.

      Ed ora con immenso amore ricordo ogni istante
      passato con voi e a giocare, ad ascoltare
      i silenzi e le favole della vita.

      Ho ricevuto da voi amore
      più di quanto l'amore possa dare
      più di quanto chiunque possa mai amare.

      Ho avuto due madri e due padri
      e dir chi più ho amato sarebbe inutile
      ingiusto, incomprensibile.
      Così conservo il segreto fra le pareti del cuore,
      laddove non servono le parole.

      Non so se avete mai compreso l'intensità
      di ciò che mi avete dato in dono,
      se avete compreso la forza
      di ciò che mi avete lasciato
      e con quanto amore vi ricordo.
      Vota la poesia: Commenta