Questo sito contribuisce alla audience di

Santagata acqua minerale

Molte fotografie mi hanno fatto
il cielo tuonando e lampeggiando
molti rombi hanno chiamato la geometria
dell'inesistenza
La casa tremò per un fulmine che ne cadde vicino
l'amore non entrò
dalla finestra solo il mattino
Ed io sotto le coperte a sognare l'università
quale compito di matematica e tu ad aspettarmi
professore d'alter ego
ma perché hai cancellato
l'immagine mia dal tuo cuore
di io che tanto ti ho amato
Ah, come duole l'aria che respiro
ah quanti starnuti per far volare la mia anima breve
ah quanti pizzicori al naso come l'arpeggiare di questo povero core
che d'un soffio manata d'odio m'accorsi che forse t'ho perso
Ah, me tapina che ti trovai da due anni or sono
A scrivere poesie e parlar d'amare
dal dolce cinguettare al temuto ruggire
fino al fuggire delle lacrime mie
ah che sorrisi e felicitazioni!
Ah quanto disegnare e dipingere
Stanco di me come della tua gola dolce monte
or sei tu e forse lo leggo...
forse siamo andati per il fumo di due anni che volati or sono
guardami nel cuore o poeta
eppoi fai quello che vuoi della tua vita
senza riservarmi rancore.
perché io ancore posseggo terrore del sesso e del fare l'amore
irresistibile mi è la musica degli anni settanta
come per te la matematica
guardami nel cuore cielo immenso
perché una donna non deve per forza saper fare l'amore per amare
ma per una Donna basta avere accanto il proprio uomo.
Tu non l'hai capito e molli tutto
l'arresa non va bene per niente bocciolo di bucaneve
margherita in fiore
girasole in amore
rosa di passione
Filippo mia unica voce della più profonda emozione.
Composta venerdì 30 novembre 2012
Vota la poesia: Commenta

    Buonanotte bucaneve di candide anime

    Buonanotte non al fumo degli anni
    Buonanotte non ai tuoni che tremano
    Di freddo, d'amore o di nessuno
    Buonanotte sulle tue labbra di stella cadenti
    Ed ai tuoi occhi ridenti al brillare di rugiada
    lacrime salate nel dolce sapore speziato
    Di questa nostra giovane passione d'amore
    Buonanotte mio piccolo uomo
    Buonanotte a te mia grande anima
    Buona notte canto angelico dell'amore
    Buonanotte canto malinconico
    di un altro giorno che muore.
    Buonanotte giovane mio geometra
    Buona notte mio tenerissimo ti amo
    sorto alle pendici del monte
    Di due labbra che si baciano
    E di un altro abbraccio che come
    fiocco di neve cade piano
    come una piuma in una mano
    Su questi corpi candidi e nudi
    Di carni raggiati dal tenero amoreggiare
    Di un tempo che si ferma nei sospiri degli amanti.
    Composta giovedì 29 novembre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      E cade l'ultimo giglio
      IL raggio di sole lontano un miglio
      E cade l'equilibrio di chi è fermo
      E cade l'ultima foglia sullo schermo
      Dell'acqua salata che un pelo perde
      Di lacrima amara dell'occhio verde
      Dell'acqua salata che perde un'emozione
      Di voce amara dell'occhio marrone
      E cade la penna nei quadri di Beatrice folli
      Come cade la nebbia a Londra
      Come cade la nebbia nei miei sogni
      Come cade la nostra neve sui nostri colli.
      Composta sabato 3 novembre 2012
      Vota la poesia: Commenta

        Tanto ghiaccio

        Tanto ghiaccio mi fu a freddo cuore
        tra i baci infuocati del tuo spirito
        E mai immaginavo o Napoleone
        Che di nuovo nella morte fossi finito
        Non ci furono scontri né sconti
        Non ci furono sentieri e ponti
        Io venni da te per amore
        Mio forte capriccio
        Io venni con il pacco della mia gelosia
        Tu meditazione lo tieni in vita al corpo morto
        ma egli stesso cade dormendo immobile faraone
        Ed io dalla sabbia ardente al freddo ghiaccio
        Mi ritrovo tante parole scolpite eppoi sciolte
        Dai fatti niente nessuna prova viva
        Che dei baci erano solo i riflessi
        Di un altro giorno
        Che sulle montagne svizzere muore.
        Filippo ora ci sei nei sogni miei
        Filippo è il nome del mio puro desiderio
        Di nuovo una carezza lieve mi faceva svenire
        Per pregare il cielo di trovarmi fra le tue braccia
        Accarezzami lievemente come le tue labbra per sempre sulle mie
        Dolcemente sii un fiore per questa farfalla
        Ch'io sia il tuo prato verde di dolce rugiada
        Fredda, sulla schiena di chi spoglio d'odio
        Non ebbe mai capito quanto tra il vagare delle nuvole
        Ad abbracciarlo una terra che lo aspetta
        Nelle dolci parole ti amo.
        Composta domenica 21 ottobre 2012
        Vota la poesia: Commenta