Esperienza astrale

Innanzi agli occhi miei
deduco e t'amo
paura di aver paura
elementare che di tempo ne chiedi
al tempo vuoto di chi hai salutato ovvero
ma mai saluti per esso, se legato sì d'affetto puro.
Deduco e t'amo
o commosso riccio, dagli occhi profondi e veri
di rospi e desideri mandasti giù troppo a lungo
le mie labbra sono un labrinto
ed il minotauro è l'unione di due anime che si cercano.
Ora corri per il labirinto col filo del "ti amo"
un filo conduttore del cuore impavido e depresso
orme sulla sabbia e neve delle radici di un cipresso
che guarda il mare e annuncia baci al vento
che incarnando le labbra come delfini nelle onde
veglian le chiome e gli occhi chiusi, su una solitudine che muore.
Sherly Holmes
Composta martedì 30 aprile 2013
Vota la poesia: Commenta

    Mai più che non fu

    Orme sul terriccio rosso
    Di stivali viola
    Qual fu il tornado che ci portò
    a piccoli passi come lapilli in volo
    Qual buon vocione ci accolse
    agli occhi di un libro che muore
    Andò in fondo ed io mi immersi
    Gelo gelo gelo mai più che non fu
    Gelo gelo gelo che saltai inarcando l'orizzonte
    Che del tuffo mio nuotai nel buio buio buio
    Di castano e ragione ero il signore
    Libro caro che non si fose
    Fuori dal gelo il polso mio lo trasse
    Che il vocione caro mio adorato male criminale
    tolse prendendo il libriccino
    Grato ci lodò ruggendo se hai preso la mia biografia
    Rassegnato e grato ci lasciò nuotare
    Che noi non potemmo fare altrimenti
    Che mi destai di salto cessando quel paradiso
    Di così bell'uomo destante di una madre assopita
    Mai fui attratta dalla sua mente e psicologia
    Come il ventre nella più dolce delle attese.
    Sherly Holmes
    Composta giovedì 25 aprile 2013
    Vota la poesia: Commenta

      Orologio londinese

      Che del tuo canto oramai non sento le note
      che l'animo mio muta il vento ciarlatano
      ah tu pena mai scontata
      che canti idilli dall'inferno
      lancetta corta di un fiato che si allunga
      come le ore in una mattinata e la luce sulle tenebre
      lancetta lunga delle ore a forzarmi a far la dura
      che sul mio nido al di sotto del mondo
      mi ci siedo e sono una montagna d terra.
      Madre terra. Big ben da dietro i cespugli
      molti occhi ti hanno visto e mai osservato
      ma mai quanto le mie pupille odono le tue note
      solo a te volgo il cuore come il girasole alla sua stella
      tu meraviglia dai tre occhi, con l'iride dell'assurdo ed impossibile
      il mistero ti nacque dalle labbra e dalle carni
      la ragione ti nacque dalle lacrime e dalle mani
      oh londra adorata arpa e campane
      canta ancora con la voce mia
      che figlia della ragion pura dal tuo ventre
      venni generata.
      Sherly Holmes
      Composta domenica 21 aprile 2013
      Vota la poesia: Commenta

        Galeotta di me stessa

        Il mio sguardo di chi sogna essere un maschio.
        Sogno profumo di erba
        Dei pollini segni le geometrie
        Dei fili d'erba come trame d'arazzo
        Pittor soffitto di chiazze colorate di speranza
        Che lo sguardo mio fissi la dolcezza
        Che lo sguardo mio fissi l'umiltà
        Che lo sguardo mio resti l'Io
        Ch'io resti qui pur andandomene di qua
        Sogno d'esser maschio
        Per vivermi e vivere
        Sogno d'esser maschio
        Come fan le viole con i lillà.
        Sherly Holmes
        Composta sabato 6 aprile 2013
        Vota la poesia: Commenta

          Impotenza

          Mi piaccio ma mi sento impotente.
          Sono la reincanazione di Jeremy Brett
          Ma mai dubito la mia forza impotente.
          In questo bel corpo, impotente.
          Mi sento impotente.
          Vivere o niente
          Grazie Vasco
          Per aver messo in musica
          Il perché del mio desiderio più assurdo.
          Grazie Vasco. Grazie ancora
          Impotente, io.
          Impotente, lui...
          Impotente, perfetta ed impotente
          Essere un maschio io si lo voglio...
          Perfetta di più
          A pari passo con la saggezza del mio esistere.
          Sherly Holmes
          Composta giovedì 4 aprile 2013
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di