Questo sito contribuisce alla audience di

Io sono Jeremy Brett

Ho Amato morendo
per Teresa Iavarone
una mia ex compagna del collage
ho voluto bene fino a morirne di affetto
dai miei vecchi compagni di scuola
ai professori delle medie e college
ai geometri ed attori.
Ho provato a dire che mi sento
un maschietto e che sono bisex
ho provato a mettermi in luce
e sono tornata reduce ferita e graffiata
Le cicatrici rimangono
di quella prova e battaglia.
Conosco benissimo la lezione
più di quanto non si immagini
ma continuerò sempre ad affermarlo
a grande voce anche nei disegni
che disegnerò
poiché nessuno è in grado
di credere alla rinascita
ed alla reincarnazione
nessuno non ti chiamerà "Confuso"
"indeciso"
nessuno non ti prenderà per pazzo
nessun non ti dirà di rubare
l'identità altrui o di avere una doppia identità.
La mia identità è una sola
ed è quella di Jeremy Brett
prigioniero per sempre
nelle parole "Beatrice" e "Pezzullo"
Composta giovedì 2 maggio 2013
Vota la poesia: Commenta

    A salve gentil saluta

    A salve gentil saluta,
    il rumore dello sparo sul sacco di iuta
    Che mano mia infin sempre aiuta
    La farina svenuta
    Che bianca di visin era divenuta
    Che ironia in rima con accento in giusta caduta
    Libera sciolta chiacchierona e muta
    Una rima comoda quanto una tuta
    Da ginnastica, da meccanico da chi a dar una mano poi ci aiuta
    In vena di rimare, ironizzare e filastroccare non sò muta
    Poiché della vena scherzosa e colorata ed infin voluta
    Mi presento come una satira simpatica, strimpellata ed a dir poco astuta.
    Composta giovedì 2 maggio 2013
    Vota la poesia: Commenta

      Me stessa

      Della ragion pura ne sono l'artigiano più operoso
      Che formica io e quanto l'impossibile tentar io oso
      Della ragion pura sono l'artigiano più estroso
      Che mi batto a cuore calmo e rigoroso
      Cambio le carte in gioco ad animo fiero e coraggioso
      Sò essere misterioso ed impetuoso
      Come un mare calmo in un giorno ventoso
      Ora sirena bella canta al suo amoroso
      Che so essere di un ritmo contagioso
      Del mio carattere forte e vigoroso
      Non scherzare col fuoco virtuoso
      Ove regna sovrano il carbone orgoglioso.
      Composta giovedì 2 maggio 2013
      Vota la poesia: Commenta

        Sogni d'oro, Filippo

        Aveva una espressione seria
        anche quando dormiva
        sognava la libertà da tutto questo male
        ma innanzi vedevo solo un fragile fanciullo
        i due cuscini dimostravano che era stanco di soffrire
        sembrava forte, ma non lo era dinnanzi alla tenerezza
        che brillava adagiato nel letto
        biondo angelo baffuto
        dal cuore di acqua e pane.
        Composta giovedì 2 maggio 2013
        Vota la poesia: Commenta