Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Mario Pugliese

L'ascensione

D'ogni cosa deluso
con le spine nel cuore,
fra i libri del presente e del passato.
Solo con il ricordo dell'infanzia
guardo devoto il tuo ritratto.
E ti rivedo la sulla montagna
Ombra sempre fedele
Del pensiero dei sogni di mia vita
Con le stesse semiglianze
D'uomo maturo e forte,
In compagnia di un bimbo ancora ignaro
A lui dicevi:
"La su quella vetta La sopra i sassi grigi,
Che strapiombo tetri sui dirupi.
L'aquila sta con gli aquilotti attorno"
Andiamo? Io ti chiedevo
Sorridendo "Cammina" mi dicevi.
"Cammina arriverai molto lontano"
Mi precedevi allora, all'ascensione
E sulla rotta via strideano i sassi
Alle scarpe chiodate
Del Padre che guidava
Del figlio che seguiva
Con l'aquila dipinta nel pensiero
E tra sterpi e tra sassi
proseguiva il cammino.
Tra i castagni tra i faggi tra gli alberi
tra le querci tra i lauri,
Tra i cocomeri l'umile ginestre
L'eriche verdi e spesse aridi ciuffi,
Fra le mani dell'uomo e del fanciullo
Che in cuore al monte sostenevano il passo.
Ma la strada era lunga, lunga assai,
E la vetta del monte ognor lontana;
Invisibile l'aquila nel nido.
Vana figura di pensiero vano
Suonava la campana
Della chiesetta di Maria del Monte
"Torniamo Figlio è tardi" mi dicevi
"E l'aquila E la vetta?"
"L'aquila è la regina degli uccelli;
Raramente si mostra a chi l'invoca;
La vetta ' Non la meta di un solo giorno"
E si tornava; L'aquila lontana
La vetta più lontana,
Ma l'una e l'altra erano vicine al cuore.
Cosi passavan gli anni,
E l'uomo e il fanciullo
Attendevano ognuno la propria meta.
Lungo il cammino sempre in ascensione.
In ascensione dileguasti all'ombra
Dei sogni di mia vita, o padre mio!
in ascensione seguo il mio cammino
Fra gli sterpi, fra i sassi,
fra spine, fra dirupi.
Alla sferza del vento e della pioggia
Al caldo al gelo
Sospirando la vetta!
Sempre cosi cammino;
E son tanti anni, ombra fedele, tanti
Cammino, corro, anelo,
e cado in terra e non raggiungo il cielo.
"Fede senza tramonto o figlio mio,
fede ti condurrà verso la meta"
"Ho fede o padre ho fede,
ombra fedele del pensiero mio,
ombra fedele che mi guida a dio.
Ma sempre crudelmente,
Sempre la gente ingrata a me s'oppone!
E mi sento deluso!
Ma son momenti che, quando a ritroso
Mi volgo a seguitar nuovo cammino;
Ti sento padre mio, come una volta
Parlami dolcemente in un sorriso.
" Non sei solo hai fede,
Hai la compagna della tua missione
Di giustizia e di bene"
Figlio avanti, ascensione.
Vota la poesia: Commenta