Questo sito contribuisce alla audience di

Acqua libera

Odo nei timpani il fruscio della privazione
negli occhi la polvere rossa
nei capelli il vento polare
nelle mie marce la voglia di prenderti.
Come un cieco saresti per me tatto e memoria.
Ho le mani aperte dal dolore.
Non voglio più patire,
se chiudo gli occhi vedo quello che vorrei.
Non ci sei mai perché?
È troppo tempo ormai che sento
il calore suonare come la sirena del porto.
Curami questa ulcera nello stomaco,
Disseta questa bocca desiderosa,
Calma questi atomi ribelli.
Insultami, prendimi a calci, graffiami.
Non sento più in sangue nelle braccia.
Vedo l'ombra che mi perseguita,
un velo nero mi lega i polsi.
Uccidimi se puoi,
voglio fisico trapasso
anima come acqua libera.
Vota la poesia: Commenta

    Combattere

    Possiamo combattere per i nostri sogni
    ma quando iniziano a bruciare
    diventano sempre così bollenti.
    Si dice che possiamo amare
    le persone di cui abbiamo fiducia.
    Ma cos'è l'amore?
    Due cuori con devozioni proprie.
    Cosa sono i sentimenti senza le emozioni?
    Cammino portandomi dentro i sogni
    Grande è il peso di essi e mi trascino verso l'orizzonte
    Sino a scomparire.
    Composta giovedì 17 dicembre 2009
    Vota la poesia: Commenta