Scritta da: Scyna Suffiotti

Mia Caralis

Chiudi gli occhi mia amata
rimani ancora
sdraiata languidamente
tra i fluttui e i gabbiani
eterna meraviglia
chiudi gli occhi
ancora e ancora
assorbi il respiro del mare,
attendi le premure degli aironi e i voli rosa dei fenicotteri
Mia crisalide d'innocenza
io so
che ancora verrai lambita
da azzurri firmamenti
accoglierai
ancora e ancora
vertiginosi voli di passione.
Ascolta mia Caralis
la melodia
sono preghiere d'amore e d'ascese esaudite
solo dalle stelle.
Ogni riga un raggio di luce.
Adagiati ancora
tra le carezze di Aristeo e le profumate euphorbie...
ancora una volta sarò li
a contemplar le tue gambe a la marina, le tue braccia a Stampace e Villanova
mentre mi assopirò sul tuo ventre
a Castello.
Mia Caralis.
Scyna Suffiotti
Composta nel 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Scyna Suffiotti

    Il mio non scelto

    Cosa vive, fra i nostri passi distratti,
    cosa c'era nelle strade non scelte
    e nello sguardo perso di chi abbiamo incrociato per un attimo,
    condividendo con lui quell'effimero momento?
    Ho malinconia delle mie non scelte,
    delle parole piantate in gola,
    delle lacrime trattenute a forza.
    Ho dolore,
    per quegli addii segreti che ho affrontato da sola.
    Ho deciso di perdonarmi di tutto il non scelto di questa vita,
    nella prossima vita.
    Scyna Suffiotti
    Composta nel 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di