Poesie di Sara Catalfamo

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: BlueSky14
Pianti, disperazione, urla e poi tanto dolore
è questo che davvero ti regala l'amore?
Basta davvero così poco per farti crollare?
Dov'è finita tutta la rabbia e la potenza che prima volevi urlare?
Se non ti merita, perché ci devi stare così male?
Fallo uscire dalla tua vita o per la tua vita lui sarà fatale!
Non serve a niente piangere se è fatto così
quella che in realtà deve cambiare sei tu, adesso via di qui!

Litigi, insulti, urla e poi una risata fittizia
è questo che davvero ti regala l'amicizia?
Le persone che fanno qualcosa che per te è sbagliato
non capisco perché ti devono far sentire così frustrato
Non vedi che loro di te se ne sbattono?
Se sei forte capirai che anche i tuoi sentimenti per loro muoiono...
ma non ti vedranno, non lo faranno ugualmente
e solo così riuscirai a capire chi in questo mondo vale veramente!
Il mio ultimo urlo rimbomba ancora dentro di me
una lacrima scende ma non ne capisco il perché...
Non è più rabbia, non è tristezza, non è dolore
è solo una lacrima che non ha neanche più colore.

Adesso voglio solo urlare
urlare questa rabbia che non riesco a soffocare
continuare ad urlare fino a stare male e poi ancora urlare
perché vivo in un mondo che non riesco a cambiare!
Tutto questo mi fa sentire inutile, piccola e impotente
ma prima o poi esploderò sotto gli occhi della gente
ed il mio urlo arriverà in cielo e poi molto più in su
ma raggiungerà anche tutti i cuori delle persone quaggiù...

Non bisogna mai perdere la speranza che il domani sarà diverso,
e magari lo cambierai anche tu, urlando insieme a me quest'ultimo verso...
Sara Catalfamo
Composta giovedì 17 dicembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: BlueSky14

    Amante Morente

    Ah...
    se solo la luna fosse
    un po' più diversa
    e meno legata
    da vincoli fisici e naturali
    forse anche lei riuscirebbe a fare
    ciò che ha sempre desiderato fare...

    Raggiungere il sole!
    Incontrarlo!
    E di lui scaldarsi entrambi i volti...
    Non come chi
    ha sempre cercato
    invano
    il vero amore,
    ma come chi l'ha incontrato
    ... e poi muore...
    Sara Catalfamo
    Composta sabato 21 novembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: BlueSky14

      Rumore Della Mia Giacca Bagnata

      In questo meriggio
      In cui la pioggia si struscia
      contro ringhiere arrugginite di vecchi balconi abbandonati...
      In cui muovo i piedi inzuppati nel freddo
      verso qualcosa che non sappia di asfalto bagnato...
      In cui mi ritrovo ad ingoiare l'acqua piovana
      che violenta sbatte sulle mie labbra
      intrise di ruggine e asfalto...

      In questo meriggio
      Di color grigio intenso,
      solo i muri cosparsi d'edera
      di fronte ai quali
      accarezzi i miei capelli sporchi di pioggia
      come fossero fili d'oro e di seta...
      possono sentire
      il rumore della mia giacca bagnata
      che più pesante del solito
      viene gettata a terra.
      Sara Catalfamo
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di