Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Marilù Rossi

Nuttata 'e Natale

Dint'a na grotta scura
Dormeno 'e zampugnare:
dormeno, appese a 'e mura,
e ronfeno, 'e zampogne
quase abbuffate ancora
'a ll'urdema nuvena;
e, ghianca, accumparesce e saglie ncielo,
dint'a chiara nuttata, 'a luna chiena.

Dormeno: a mezzanotte
Cchiù de n'ora ce manca;
e se sparano botte,
s'appicceno bengala,
e se canta e se sona
per tutto 'o vicenato…
Ma 'o Bammeniello nun è nato ancora,
e nun s'è apierto ancora 'o Viscuvato.

Fora, doppo magnato,
esce nfucata, 'a gente:
ccà d'o viento gelato,
p'e fierre d'a cancella,
trase 'a furia ogne tanto…

E c'o viento, e c'o friddo,
ncopp'a paglia pugnente, a ppare a ppare,
dormeno, stracque strutte, e zampugnare.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz
    Marzo: nu poco chiove
    e n'ato ppoco stracqua
    torna a chiòvere, schiove;
    ride 'o sole cu ll'acqua.

    Mo nu cielo celeste,
    mo n'aria cupa e nera,
    mo d' 'o vierno 'e 'tempeste,
    mo n'aria 'e Primmavera.

    N'auciello freddigliuso
    aspetta ch'esce o sole,
    ncopp' 'o tterreno nfuso
    suspirano 'e viole...

    Catarì, che vuò cchiù?
    Ntienneme, core mio,
    Marzo, tu 'o ssaje, si' tu,
    e st'auciello song' io.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Era de maggio

      Era de maggio e te cadeano 'nzino
      a schiocche a schiocche li ccerase rosse...
      Fresca era ll'aria e tutto lu ciardino
      addurava de rose a ciente passe.

      Era de maggio — io, no, nun me scordo —
      na canzona cantàvamo a ddoje voce:
      cchiù tiempo passa e cchiù me n'allicordo,
      fresca era ll'aria e la canzona doce.

      E diceva. "Core, core!
      core mio, luntano vaje;
      tu me lasse e io conto ll'ore,
      chi sa quanno turnarraje! "

      Rispunnev'io: "Turnarraggio
      quanno tornano li rrose,
      si stu sciore torna a maggio
      pure a maggio io stonco cca".

      E sò turnato, e mo, comm'a na vota,
      cantammo nzieme lu mutivo antico;
      passa lu tiempo e lu munno s'avota,
      ma ammore vero, no, nun vota vico.

      De te, bellezza mia, m'annamuraje,
      si t'allicuorde, nnanze a la funtana:
      l'acqua Ilà dinto nun se secca maje.
      e ferita d'ammore nun se sana.

      Nun se sana; ca sanata
      si se fosse, gioia mia,
      mmiezo a st'aria mbarzamata
      a guardare io nun starria!

      E te dico — Core, core!
      core mio, turnato io sò:
      torna maggio e torna ammore,
      fa de me chello che buò!
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Pianefforte 'e notte

        Nu pianefforte 'e notte
        sona luntanamente,
        e 'a museca se sente
        pe ll'aria suspirà.

        È ll'una: dorme 'o vico
        ncopp'a nonna nonna
        'e nu mutivo antico
        'e tanto tiempo fa.

        Dio, quanta stelle 'n cielo!
        Che luna! E c'aria doce!
        Quanto na della voce
        vurria sentì cantà!
        Ma sulitario e lento
        more 'o mutivo antico;
        se fa cchiù cupo 'o vico
        dint'a ll'oscurità...

        Ll'anema mia surtanto
        rummane a sta fenesta.
        Aspetta ancora. E resta,
        ncantannese, a pensà.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz
          Oj pètteno, che piéttene
          'e ttrezze 'e Carulina,
          damme nu sfizio, scippala,
          scippala na matina.

          E tu, specchio - addò lùceno
          chill'uocchie, addò, cantanno,
          ride e se mmira, - appànnete
          quanno se sta mmiranno!

          Lenzole, addò se stènneno
          e ccarne soie gentile,
          nfucàteve, pugnitela,
          tutto stu mese 'Abbrile!

          E vuie, teste d'anèpeta,
          d'aruta e resedà,
          seccàte ncopp' a ll'àsteco
          faciteve truvà...

          Mo 'o petteno, che pettena
          'e ttrezze 'e Carulina,
          è sempre 'o stesso petteno
          'e tartaruga fina;

          O specchio è de Venezia
          e nun ha fatto mossa;
          e lienzulelle smoveno
          n'addore 'e spicaddossa...

          E manco nun me senteno
          l1'aruta e 'a resedà:
          cchiù ampresso, 'ncopp'a ll'asteco,
          Abbrile 'e ff a schiuppà!

          E sti scungiure - è inutile -
          nn' a ponno cchiù arrivà:
          cchiù nfama e cchiù simpatica,
          cchiù bella assaje se fa!
          Vota la poesia: Commenta