Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Salvatore Coppola

Nato a Agrigento (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: Salvatore Coppola

I miei giorni

I giorni,
non saranno più i miei giorni.
Le notti,
non saranno più le mie notti.
I sogni,
non saranno più i miei sogni.
I raggi del sole,
non scriveranno più nei miei occhi.
La luna,
non guiderà più la mia ombra.
Le stelle,
non saranno più le mie lacrime.
La terra,
non conterà più i miei passi.
I fiori,
non sbocceranno più per me.
I ruscelli
non laveranno più i miei pensieri.
ll cuore,
non parlerà più di un grande amore.
Le ore,
non saranno più il mio tempo.
ed il passato,
cancellerà le mie speranze future.
Composta sabato 21 maggio 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Salvatore Coppola

    Io sono così

    "Io sono così!"...
    So essere dolce come gli occhi di un bambino.
    So amare come nessuno ha mai saputo amare.
    So essere altruista e generoso.
    so capire anche i problemi della gente.

    "Io sono così!"...
    Non sopporto l'ipocrisia è la cattiveria.
    Non tollero la prevaricazione.
    Non ammetto la stupidità e l'ignoranza.
    Non scendo a compromessi se ho ragione.

    "Io sono così!"...
    So di essere me stesso e tale voglio rimanere.
    Sono dolce amabile è corporato.
    Sono sensibile, concreto e passionale.
    Sono arcigno, inflessibile ed anche spietato.

    Piaccia o no, "Io sono così!"...
    Composta martedì 12 ottobre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Salvatore Coppola

      La mia strada

      Sono tante le cose che vorrei dirti
      ma non trovo le parole.
      Sono tante le cose che vorrei fare
      ma non riesco a muovermi.
      È lunga la strada che vorrei percorrere
      ma quella strada non esiste più.
      Sono tanti i desideri che vorrei esprimere
      ma non ci sono stelle cadenti.
      Infinito era l'amore che volevo offrirti
      ma non ho più un cuore.
      Con te volevo dividere i miei sogni
      ma non ho più voglia di dormire.
      Mi cullavo in un mare di speranza
      ma tu ne hai agitate le acque.
      E le onde spumose e scure
      hanno inabissato il mio amore per te.
      Composta mercoledì 22 settembre 2010
      Vota la poesia: Commenta