Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Salvatore Agueci

Unn'è lu me postu?

Circannu ivi pi li strati e li viuzzi
di la terra chi nasciri e iucari mi vittiru,
a cu ncuntrava dumannava:
"Sapiti vui unn'è lu postu miu?"

A la me dumanna, tutti
o finta facianu d'un sentiri,
o u travagghiu continuavanu a fari,
li chiù mi dicianu: "Si lu sapissi pi mia!..."

'Ncuntrai, mentri 'nta un violu caminava,
un vecchiu curvu chi li so favi siminava
e a iddu la dumanna fici:
"Si lu sapissi, figghiu miu, cuntentu fussi puru iu".

A nna matri c'annacava lu picciriddu so:
"Vui, c'aviti datu o munnu stu nnuzzenti,
dicitimi si canusciti un postu sicuru".
Stringiu li spaddi e a ninnari mesta continuau.

Un turista 'ncuntrai e ci dumannai:
"Vui, chi lu munnu girati,
u locu di la filicità mia unni si trova?"
"Assai posti vitti ma mai chiddu to 'ncuntrai".

Sutta 'na culonna di la chiazza,
un puvireddu li spicciuli addumannava.
M'avvicinai pi lu me daricci,
"Lu Signuri ti lu paga", taliannumi, mi rissi.

Comu un lampu, di l'occhi so partennu,
capii subitu chi filici iddu era:
u 'mpostu 'nta la terra u nni l'avia
ma lu celu, taliannu, m'indicau.


Dov'è il mio posto?

Cercando andai per le strade e i vicoli
della terra che nascere e giocare mi hanno visto,
a chi incontravo domandavo:
"Sapete, voi, dov'è il mio posto?"

Alla mia domanda, tutti
o finta facevano di non sentire,
o il lavoro continuavano a fare,
molti mi dicevano: "Se lo sapessi per me!..."

Incontrai, mentre per un viottolo camminavo,
un vecchio curvo che le sue fave seminava
e a lui la domanda feci:
"Se lo sapessi, figlio mio, contento sarei anch'io".

A una madre che cullava il bambino suo:
"Voi, che avete dato al mondo quest'innocente,
ditemi se conoscete un posto sicuro".
Strinse le spalle e a cullare mesta continuò.

Un turista incontrai e gli domandai:
"Voi che il mondo avete girato,
il luogo della felicità mia, dove si trova?"
"Parecchi ne ho visti ma mai quello tuo incontrai".

Ai piedi di una colonna della piazza,
un poverello gli spiccioli chiedeva.
M'avvicinai per il mio dargli,
"Il Signore te lo ricompensi", guardandomi, mi disse.

Come un lampo, dagli occhi suoi partendo,
capii subito che felice egli era:
un posto sulla terra non l'aveva
ma il cielo, guardando, m'indicò.
Composta sabato 28 novembre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Salvatore Agueci

    Gemito

    La terra tutta gemente è
    per le sue afflizioni costanti.

    Geme l'uomo che soffre,
    perché ammalato
    o per le ingiustizie sociali
    che sopportare deve,
    o quando a cose più alte mira.

    Geme la donna
    che sommessamente si duole
    per le doglie del parto,
    e, in silenzio,
    il peso della vita regge.

    Geme l'anziano ed il piccino
    perché con dolore e spasimo
    a ciò che più non sono aspirano
    o a ciò che compiuto non è.

    Geme la natura stessa
    quando strappandola,
    la goccia dal ramo
    lascia cadere quasi piangente
    o il seme a vita nuova germoglia.

    La creazione tutta geme
    quando la si deturpa
    e, gli equilibri rompendo,
    l'uomo trasforma.

    A grande armonia
    siamo stati tutti creati,
    perché, nel rispetto mutuo,
    la bontà viviamo
    e lode infinita cantiamo.
    Composta domenica 13 luglio 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Salvatore Agueci

      Nulla

      Entità appari
      illudendo chi cervello non ha,
      ma assenza sei di bene,
      di luce, di canto armonioso
      che elevare fa l'umana natura e
      di gioia la riempie
      per colmare il vuoto che ha.

      Forza sovrumana sembri,
      ma inganno sei
      del cuore e della mente.

      Guai a chi in essa confida:
      nulla si trova e di miseria vive.

      La morte con le mani vuote
      lo coglierà e la gioia dell'eternità
      gustare non potrà.
      Composta sabato 1 dicembre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Salvatore Agueci

        A vanedda/Il vicolo

        È stritta a vanedda,
        'un sempri spunta
        ma è un munnu apertu,
        pri chissu ogni "vanedda
        a lu cassaru spunta."

        Ogni cusuzza
        risaputa è,
        ogni ciavuru si senti,
        tutti si canuscinu
        e tutti si spianu,
        persinu li segreti cchiù 'ntrisichi
        l'unu cu l'autri si passanu.

        È 'na famigghia allargata:
        tutti s'aiutanu e si cunfidanu.

        Li picciriddi ci iocanu e li vuci
        lu patri e la matri rassicurano.
        Li vecchi, la sira,
        li cuntura narranu,
        davanti a li porti assittati.

        Pri chissu 'ntra lu cori la portanu
        e lu ricordu dura pri tutta la vita.

        Tanti su li vaneddi di l'esistenza,
        'mpurtanti chi nun s'arresta dintra chiusi
        e lu cori e la menti si rapinu
        a li biddizzi e a li nuvità di lu munnu.

        Nica si ma ricca di valuri,
        ni li gioje e ni li dulura
        di tia nustalgia hannu
        pirchì la matri sì di tutti li saggizzi,
        o vanidduzza mia.

        Il vicolo

        È stretto il vicolo,
        non sempre sbuca
        ma è un mondo aperto,
        per questo ogni "vicolo
        al cassero spunta".

        Ogni cosa piccola
        conosciuta è,
        ogni odore si sente,
        tutti si conoscono
        e tutti si spiano,
        persino i segreti più intimi
        l'uno con l'altro si scambiano.

        È una famiglia allargata:
        tutti s'aiutano e si confidano.

        I bambini ci giocano e le voci
        i padri e le madri rassicurano.
        I vecchi, la sera,
        i racconti narrano,
        davanti alle porte seduti.

        Per questo dentro al cuore lo portano
        e il ricordo dura per tutta la vita.

        Parecchie sono i vicoli dell'esistenza,
        importante che non si rimanga in essi chiusi
        e il cuore e la mente si aprano
        alle bellezze e alle novità del mondo.

        Piccolo sei ma ricco di valore,
        nelle gioie e nei dolori
        di te nostalgia hanno
        perché la madre sei di tutte le saggezze,
        o piccolo vicolo mio.
        Composta mercoledì 23 aprile 2014
        Vota la poesia: Commenta