Scritta da: Sabrina

La nebbia

La nebbia mi avvolge
un triste velo sfuma i colori,
un colpo di spugna
spazza via briciole di vita
e tutto torna ad esser
grigio ed opaco.
La luce si attenua,
le parole premono dentro
e hanno fretta di uscire,
la bocca si apre
e manca la voce...
e rimango così,
con la voglia di urlare
rinchiusa nel petto:
il veleno che arriva da fuori
invade il mio cuore.
È solo un momento,
semplicemente un battito d'ali,
una parte di me
impaurita ha deposto le armi
e teme il mondo che è fuori
e si eclissa nella nebbia
che tutto sommerge.
E in un attimo realizzo
che il nemico che devo annientare
non è il male che è fuori,
ma le paure che ho dentro,
una piccola parte di me
che trascina con se
solo tristezza, debolezza e dolore.
Sabrina Ducci
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Sabrina

    ASCOLTA

    Ascolta il lamento che spegne la luna
    osserva lo squarcio che spezza il respiro
    blocca la voce e inizia ad ascoltare
    il frastuono di un cuore
    che si schianta nel buio.

    L'agonia di una donna ferita,
    il dolore di una madre tradita,
    l'urlo di una amica colpita
    alle spalle da un feroce nemico.

    Ascolta la mia anima offesa
    dal veleno di una mente malata
    osserva la purezza del mio "Io"
    che si sporca di fango e di sangue.

    Ascolta, fermati ad osservare
    la mia rabbia che invade la mente
    la mia vita bloccata e sospesa
    nel frastuono di un cuore
    che si schianta nel buio.
    Sabrina Ducci
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di