Le migliori poesie di Sabrina Ducci

Nato (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Sabrina

Pensieri, emozioni e speranze

Per riscaldare la pelle basta un giorno di sole,
ma l'anima risplende solo grazie all'amore.
La primavera, se vuoi, rivive nei pensieri,
ma per gioire nel cuore devi imparare a volare:
non pensare alle paure o a quello che è stato,
osserva, invece, la ricchezza
di chi ha tanto amato.
Non credere che il dolore sia stato vano
e non sentirti inerme di fronte al destino:
rinascerai più forte di prima!
Ritorneranno i sorrisi e le cose belle,
mentre le tue lacrime si uniranno
alle stelle.
Sabrina Ducci
Composta domenica 20 marzo 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Sabrina

    Contro il vento

    Il vento gelido sferza il mio corpo
    che reagisce accelerando il passo.
    Energie che si scontrano,
    mille spilli punzecchiano
    la pelle del viso,
    mentre il fuoco scorre nelle vene.
    La forza nel cuore cresce,
    vorrei urlare
    contro quello che mi ostacola
    compresa la mia stessa vita,
    che al pari
    di questo gelido vento
    lacera, congela e ferisce.
    Ma nel cuore so che
    vincerò il vento
    correndogli contro,
    lacerandolo con tutta
    la mia rabbia e amarezza,
    sono forte, nonostante
    i bastoni che incontrerò
    sulla strada.
    La mia anima
    non si lascerà più lacerare
    ed il mio cuore
    non si ferirà,
    perché sarà di pietra
    per le coltellate
    e duro come l'acciaio
    di fronte ai tradimenti,
    infine sarà fuoco grazie
    a questo gelido vento
    che tenta di distruggerlo.
    Vita mia, sei stata dura,
    ma non mi cambi,
    continuerò a nutrirmi d'amore
    e ad abiurare bugie tradimenti
    egoismi insensibilità e superbia.
    Vita mia, mi hai ferita profondamente,
    ma altrettanto ti amo.
    Sabrina Ducci
    Composta domenica 1 novembre 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Sabrina

      Cosa rimane del giorno

      Il vento porta via
      quello che rimane del giorno,
      mentre il tempo seppellisce
      le mie gioie ed il mio sorriso
      per restituire solo i ricordi,
      flebili e sbiaditi aquiloni
      che prendono il volo
      con lo spirare del vento.
      E proprio tu, vento,
      che inaspettato arrivi
      per derubarmi
      dei sogni e del mio futuro,
      mi rammenti, senza pietà,
      questa brutta realtà
      da trasformare
      e la mia anima da salvare.
      Con la bocca piena di amarezza,
      il cuore colmo di dolore
      mi costringo ad accettare
      l'ennesimo schiaffo del destino,
      chiedendo ferita e impaurita
      una giustizia che non esiste
      e una solidarietà
      che non sappia di ipocrisia.
      Sabrina Ducci
      Composta martedì 9 febbraio 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di