Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Sabrina Ducci

Nato (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Sabrina

Il disagio

Mentre gocce di sudore
si ribellano al caldo
sento brividi di ghiaccio
scorrere sotto la pelle.
Sposto lo sguardo
un po' più lontano
e cerco il motivo
di tanto disagio....
ma vedo solo erba secca
e rose bruciate
da un sole che arde
e uccide senza pietà.
E intanto il sudore
scivola sul viso, sul collo
e la gola, già arida per la sete,
si chiude in un nodo;
non un suono si libera
ed esce dalla mia bocca,
per accompagnarsi ai rumori
di sottofondo;
sento un profondo malessere,
i passi si fanno incerti
e la mente si perde nella foschia
di una mattinata torrida e afosa.
Non capisco,
semplicemente le forze svaniscono
e un senso di urgenza
si impossessa di me,
fino a che il telefono suona
e allora comprendo
che il mio disagio presagiva
ciò che non avrei voluto sentire.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Sabrina

    Aurora

    Penombra: ad oriente qualcosa sta cambiando,
    il buio arretra, piano, nel suo mondo di sogni,
    mentre da un mare di ovatta il sole sta nascendo:
    l'antica magia, scandita nel tempo e misurata in giorni,
    davanti a me si rinnova
    e, come una bimba, mi stupisco osservando l'aurora!

    Da lontano giungono voci, rumori e canti
    che, uno ad uno, si uniscono alla meraviglia che ho davanti,
    lentamente la vita di nuovo si desta
    e tutto torna a sorridere... è una festa!
    Ogni animale, ogni albero, ogni fiore
    accoglie l'alba in tutto il suo splendore!

    Il cuore è sereno, il corpo adesso si rilassa,
    la mente saluta la luna e la notte che passa;
    l'anima ringrazia per questo bel momento
    in cui la vita è in armonia con ciò che sento dentro.
    E qui si conclude questo mio bel sogno
    della magica notte e dell'alba del nuovo giorno!
    Composta martedì 31 ottobre 2006
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Sabrina

      Parole

      Parole, tante parole, a migliaia,
      come piccole gocce di pioggia,
      che cadono sulla tua pelle,
      ti bagnano, ti entrano dentro
      e scorrono in te, nel profondo.

      Parole, come piccoli fiumi impetuosi,
      portano in se idee, sensazioni e pensieri,
      uniti, abbracciati tra loro,
      che avanzano veloci nella corrente
      e lottano per sopravvivere
      nella tua mente.

      Parole, belle parole, preziose,
      che esprimono i grandi valori,
      che portano pace e donano forza,
      colmano il cuore e danno coraggio,
      infondono gioia e ti fanno sognare.

      Parole sospese, quelle mai dette,
      magari importanti,
      non cambiano niente e rimangono vane,
      si perdono e muoiono vuote e lontane,
      sono inutili semi di fiori mai nati,
      nel grande giardino delle buone intenzioni.

      Parole, che sono cattive e fanno male,
      che sembrano frecce,
      sferzano l'aria e sono veloci,
      ti arrivano addosso e ti bucano dentro,
      danno dolore e sono feroci.

      Parole bugiarde, figlie dell'inganno
      e nate per tradire,
      sono come coltelli affilati
      e ti scavano solchi nel cuore
      che non verranno mai più sanati:
      ti rubano la quiete, la serenità
      e la fede nelle premesse che verranno.

      Parole imperfette,
      che nascono dai bambini,
      meravigliose creature,
      scaldano il cuore
      e, se anche con un po' d'incertezza vengono dette,
      sono molto importanti:
      te le porti dentro e le mantieni care.

      Parole, magiche e preziose,
      che fanno star bene,
      arrivano diritte dal cuore,
      nascono spontanee e sincere
      e profumano d'inchiostro
      mentre nel foglio
      prendono forma e colore.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Sabrina

        Mai come voi

        Non sarò mai come voi
        che in ogni situazione
        provate ad arricchirvi,
        che date consigli interessati,
        approfittate delle difficoltà altrui;
        vendete l'anima per una manciata di spiccioli
        e calpestate i sentimenti della gente
        per sentirvi grandi.
        Non sarò mai così, anche a costo
        di camminare da sola,
        con la mia povertà, i miei sogni
        e i miei sani principi.
        Non sarò mai ipocrita e cieca,
        o così insensibile e dura
        da non sentire il dolore
        altrui che consuma il mio cuore.
        Non riuscirò mai e non potrò mai
        essere come voi,
        egoisti, superficiali
        ed incapaci di amare,
        perché amerò sempre
        chi mi ha dato la vita,
        coloro a cui ho donato la vita
        e colui che ogni giorno
        mi regala la vita nuova...
        e niente al mondo sarà
        mai altrettanto prezioso!
        Composta mercoledì 28 ottobre 2015
        Vota la poesia: Commenta