Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Sabrina Ducci

Nato (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Sabrina

La nebbia

La nebbia mi avvolge
un triste velo sfuma i colori,
un colpo di spugna
spazza via briciole di vita
e tutto torna ad esser
grigio ed opaco.
La luce si attenua,
le parole premono dentro
e hanno fretta di uscire,
la bocca si apre
e manca la voce...
e rimango così,
con la voglia di urlare
rinchiusa nel petto:
il veleno che arriva da fuori
invade il mio cuore.
È solo un momento,
semplicemente un battito d'ali,
una parte di me
impaurita ha deposto le armi
e teme il mondo che è fuori
e si eclissa nella nebbia
che tutto sommerge.
E in un attimo realizzo
che il nemico che devo annientare
non è il male che è fuori,
ma le paure che ho dentro,
una piccola parte di me
che trascina con se
solo tristezza, debolezza e dolore.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Sabrina

    Mai come voi

    Non sarò mai come voi
    che in ogni situazione
    provate ad arricchirvi,
    che date consigli interessati,
    approfittate delle difficoltà altrui;
    vendete l'anima per una manciata di spiccioli
    e calpestate i sentimenti della gente
    per sentirvi grandi.
    Non sarò mai così, anche a costo
    di camminare da sola,
    con la mia povertà, i miei sogni
    e i miei sani principi.
    Non sarò mai ipocrita e cieca,
    o così insensibile e dura
    da non sentire il dolore
    altrui che consuma il mio cuore.
    Non riuscirò mai e non potrò mai
    essere come voi,
    egoisti, superficiali
    ed incapaci di amare,
    perché amerò sempre
    chi mi ha dato la vita,
    coloro a cui ho donato la vita
    e colui che ogni giorno
    mi regala la vita nuova...
    e niente al mondo sarà
    mai altrettanto prezioso!
    Composta mercoledì 28 ottobre 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Sabrina

      Tic tac

      Il ticchettio del tempo che scorre,
      come il rumore di piccoli passi,
      precisi e regolari,
      turba la pace che dominava
      la mia mente,
      scandendo lentamente
      l'avanzare della notte.
      Il velo di sonnolenza,
      che intorpidiva i miei pensieri,
      si alza e mi abbandona,
      mentre nel buio
      il mio sguardo cerca
      il motivo di tanto disturbo.
      E intanto il ticchettio procede,
      aprendosi un varco
      nella mia quiete
      trasmettendomi un vago senso di allarme,
      come segno di uno strano presagio.
      E rimango distesa nel buio,
      sveglia e stranita,
      con i respiri dei bambini
      che cullano la notte
      e il mondo ovattato dei sogni
      ormai si dilegua,
      scaraventato lontano
      da un fastidioso ticchettio
      segno della semplicità
      con la quale il tempo fagocita
      minuti ore e giornate della mia vita
      derubandomi di quella serenità
      così tanto desiderata.
      Composta sabato 16 maggio 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Sabrina

        Vivila!

        La gioia ti mette le ali facendoti volare,
        il dolore, ti spezza il cuore lasciandoti in ginocchio,
        le vittorie, le sconfitte,
        le delusioni ed il vero amore,
        volare sopra le nuvole e poi cadere in picchiata,
        sperando di salvarsi: tutto questo è vita.
        E per quanto possa essere indecifrabile e dura,
        vivila appieno,
        senza tirarti indietro,
        anche quando sei convinto
        di non avere più forza per proseguire,
        oppure hai paura di cadere.
        Questo è il percorso
        che ti è stato assegnato
        e nessun altro potrà compierlo per te,
        nemmeno coloro che consigliano o giudicano
        dall'alto di un piedistallo
        da loro stessi creato.
        Non guardare indietro,
        non ascoltare chi critica,
        magari per tornaconto
        e non cedere mai,
        anche se capisci
        che quasi tutti sono contro.
        Tu continua a camminare,
        a costruire e ad amare,
        affronta il dolore
        con la forza che hai nel cuore,
        perché chi tradisce
        rimarrà alle tue spalle,
        nascosto tra pieghe del passato,
        mentre chi ti ama sarà sempre al tuo fianco,
        illuminandoti con il suo sorriso
        e per questo ringrazierai la tua vita.
        Composta martedì 4 agosto 2015
        Vota la poesia: Commenta