Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Sabrina Ducci

Nato (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Sabrina

Odio e amore

Tutta la rabbia che alimenta i tuoi scopi
diventerà la mia forza,
l'odio che ti sta divorando
non farà altro che alimentare
l'amore che provo
verso i miei figli, me stessa
e l'uomo che amo.

Non permetterò al male che è in te
di spegnere la mia volontà e di annientarmi:
le tenebre hanno avvolto
il tuo cuore e la tua anima
chiudendoti gli occhi,
hanno inghiottito ogni tua forma
di umanità.

Non importa se il mio corpo
sarà pieno di cicatrici
ed avrò il cuore gonfio
dalle delusioni,
assaporerò
la gioia più intensa
conquistata da chi ha combattuto
e vinto per amore,
da chi non si è mai arreso,
passo dopo passo,
giorno dopo giorno.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Sabrina

    Anima

    Leggera come un soffio, un'alito di vento,
    sei la brezza che mi sfiora, piano,
    mentre attendo,
    serena, l'aurora.

    Anima, sei sorgente di luce e di bellezza.
    sei amore ed eterna giovinezza,
    tutto prende vita e risplende intorno:
    sei la speranza nel Nuovo Giorno!

    In te si rispecchia l'Immensità
    e dell'Universo infinito la grandezza;
    da te nasce la forza per combattere le avversità
    e ogni sofferenza sparisce ad ogni tua carezza...

    Anima, stupendo tesoro racchiuso in questa gabbia di carne,
    prigioniera e libera nello stesso istante:
    dimmi, quante volte hai ricevuto dolore
    e quante, in cambio, hai donato Amore?

    E proprio in questo la tua forza si dimostra,
    mentre in me chiara è la consapevolezza
    che ciò che fa male e duole non è così importante
    ma serve a renderti più forte e arricchire la tua saggezza!
    Composta sabato 4 novembre 2006
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Sabrina

      La nebbia

      La nebbia mi avvolge
      un triste velo sfuma i colori,
      un colpo di spugna
      spazza via briciole di vita
      e tutto torna ad esser
      grigio ed opaco.
      La luce si attenua,
      le parole premono dentro
      e hanno fretta di uscire,
      la bocca si apre
      e manca la voce...
      e rimango così,
      con la voglia di urlare
      rinchiusa nel petto:
      il veleno che arriva da fuori
      invade il mio cuore.
      È solo un momento,
      semplicemente un battito d'ali,
      una parte di me
      impaurita ha deposto le armi
      e teme il mondo che è fuori
      e si eclissa nella nebbia
      che tutto sommerge.
      E in un attimo realizzo
      che il nemico che devo annientare
      non è il male che è fuori,
      ma le paure che ho dentro,
      una piccola parte di me
      che trascina con se
      solo tristezza, debolezza e dolore.
      Vota la poesia: Commenta