Le migliori poesie di Sabrina Ducci

Nato (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Sabrina

Egoismo criminale

Non odiare chi ti è stato accanto
e che adesso non è più al tuo fianco.
Non distruggere il tuo stesso sangue
perché da solo il tuo cuore langue
non disperdere il tuo essere uomo
e non permettere alla debolezza
di spargere altro sangue.
Accetta la vita,
accetta i tuoi errori
e non odiare l'amore
perché sei incapace di amare.
Non crederti forte
perché usi la violenza:
tu non sei un uomo,
ma solo un vigliacco.
Sabrina Ducci
Composta mercoledì 8 giugno 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Sabrina

    Vita

    Adesso è uno di quei classici momenti
    nei quali mi fermo e mi metto "guardare",
    convinta di fare una cosa importante,
    degna di nota, necessaria e da ricordare.

    Vita mia: è a te che voglio pensare,
    in questa giornata di pioggia e di vento,
    a ciò che mi hai dato fino a questo momento
    e a ciò che, così veloce, hai tolto, da farmi star male.

    Ma la cosa più bella ed interessante
    è scoprire che spesso, nella giusta misura,
    ciò che togli, prima o poi viene reso,
    con esperienze diverse mai provate finora.

    In ogni svolta o cambio di direzione,
    anche se talvolta con sofferenza e timore,
    mi hai sempre donato forza e coraggio
    uniti ad un grande arricchimento interiore.

    In fin dei conti c'è gioia e letizia
    a scoprire che desiderio e speranza
    mi accompagnano nel sentiero che inizia
    e già intravedo il futuro che avanza!

    Infine, io non posso far altro
    che ringraziarti per quello che mi hai dato,
    della sensibilità, della forza e del coraggio
    che, volente o nolente, in questo modo mi hai donato!
    Sabrina Ducci
    Composta lunedì 3 febbraio 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Sabrina

      Madre natura

      Sono buio e sono luce,
      sono luna e sono sole,
      con la forza del vento
      sfogo il mio tormento,
      nel suo lento ondeggiare,
      mi annullo nella quiete del mare...

      madre: alla tua presenza
      si manifesta la mia essenza!

      Sono argilla e sono roccia,
      sono fiore e sono quercia:
      che sia fuoco o che sia ghiaccio,
      io rinasco in un abbraccio...

      e se te esisti per creare,
      io sono nata per amare!
      Sabrina Ducci
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Sabrina

        Colori e magia

        Mentre fuori il sole splende
        e infuoca un pomeriggio d'estate,
        il mio corpo, disteso sul letto,
        assorbe, completamente,
        l'aria fresca della stanza
        e attimi di vita,
        scivolano via serenamente,
        come fossero
        acqua tra le dita.
        Intanto, l'anima si libera
        e i pensieri,
        di colpo leggeri,
        si spargono ovunque
        colmando lo spazio
        che mi circonda.
        Lentamente
        riprendo contatto
        con il mio spirito
        e la mente:
        ed è come tornare
        a respirare
        aria pura,
        dopo un attimo
        di apnea e di paura.
        Una splendida sensazione
        travolge quel momento
        di completezza, benessere,
        leggerezza, libertà
        e appagamento.
        Spontaneamente,
        una dolce melodia
        prende forma nella mente,
        la bocca si apre
        e l'aria si riempie
        di colori e poesia.
        Attimi di magia,
        come se tutto svanisse
        e l'anima mia
        inizia a cantare
        il suo amore alla vita.
        Sabrina Ducci
        Composta martedì 30 giugno 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Sabrina

          Continuare a lottare

          Sono inciampata
          negli ostacoli
          della vita.
          Sono caduta,
          proprio quando avevo bisogno di proseguire.

          In ginocchio,
          stringo i denti
          per allontanare il dolore
          e non sentire
          l'amaro sapore
          della delusione
          ed il sale delle lacrime
          che brucia la pelle.

          Chiudo gli occhi:
          come raggi di sole,
          gli sguardi dei miei figli
          sconfiggono la nebbia, il buio della notte
          ed il gelido abbraccio
          della solitudine;
          sfiorandomi l'anima,
          mi scaldano il cuore...

          Come per magia,
          la forza, che pensavo finita,
          torna ad animare i pensieri,
          le mie azioni e i desideri...
          Mi rialzerò, per me, per loro,
          per quell'amore
          che ci unisce,
          capace di trasformare
          lacrime in sorrisi,
          che dona la forza
          per rialzarsi...
          e continuare a lottare.
          Sabrina Ducci
          Composta lunedì 21 novembre 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di